Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Curiosità

Chi è il locatario? Ecco qual è il ruolo di questa figura in un contratto di locazione

Il locatario è colui che riceve un immobile in locazione. Scopriamo i dettagli

Il contratto di locazione è un accordo che viene stipulato tra due parti, ovvero: locatore che è colui che concede l’immobile in locazione, essendo quindi il proprietario, e locatario che è la persona che riceve l’immobile in locazione.

In questo articolo vogliamo soffermarci sulla figura del locatario, andando ad analizzare qual è il suo ruolo, quali sono i diritti e i doveri.

Chi è il locatario?

Il locatario, conosciuto anche come conduttore, affittuario o inquilino, è la persona che riceve dal locatore il diritto di utilizzare e godere dell’immobile. Naturalmente, per poter beneficiare dell’immobile stesso, il locatario si impegna a versare una determinata somma di denaro, ovvero il canone di locazione, al locatore.

Quali sono gli obblighi del locatario?

Il locatario, o conduttore, ha diversi obblighi che deve rispettare. Ad esempio, si impegna a riconsegnare l’immobile nello stesso stato in cui lo ha ricevuto all’inizio della locazione, conservando quindi la casa utilizzando la diligenza del buon padre di famiglia.

Non solo, è tenuto al pagamento del canone di locazione nella misura e nelle modalità prestabilite. Inoltre, deve farsi carico delle spese di manutenzione ordinaria.

Quali sono i diritti del locatario?

Oltre agli obblighi, il locatario può godere di numerosi diritti. Non deve preoccuparsi della manutenzione straordinaria dell’immobile, dato che di quella se ne occupa il locatore. Inoltre, ha il diritto di visionare la documentazione relativa alla conformità degli impianti, in modo tale da essere certo di vivere in una casa sicura.

Naturalmente ha anche il diritto di avere le ricevute che attestano il pagamento del canone di locazione e ha il diritto di apportare migliorie all’immobile a sue spese, migliorie che però non devono in alcun modo creare danno o cambiare la destinazione d’uso dell’appartamento.

Infine, ha il diritto di recedere dal contratto in qualunque momento dando preavviso di 6 mesi.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.