Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Dal mondoSalute e Benessere

L’uomo nel polmone d’acciaio, morto a 78 anni

Paul Alexander l'uomo nel polmone d'acciaio fin da bambino è morto

È morto all’età di 78 anni Paul Alexander, l’uomo che visse in un polmone d’acciaio per più di 70 anni.

Una raccolta fondi per la sua assistenza sanitaria ha confermato che Alexander, di Dallas, Texas, è morto lunedì senza fornire ulteriori dettagli.

Alexander trascorse una vita straordinaria nella macchina del polmone d’acciaio dopo aver contratto la poliomielite nel 1952, all’età di sei anni, che lo lasciò paralizzato dal collo in giù.

L’uomo nel polmone d’acciaio morto: la notizia

Scrivendo sulla pagina GoFundMe di Alexander, Christopher Ulmer, organizzatore e attivista per i diritti dei disabili, ha dichiarato martedì: “Paul Alexander, ‘L’uomo dal polmone di ferro’, è morto ieri.

‘Dopo essere sopravvissuto alla poliomielite da bambino, ha vissuto più di 70 anni all’interno di un polmone di ferro. In questo periodo Paul andò al college, divenne avvocato e autore pubblicato. La sua storia ha viaggiato in lungo e in largo, influenzando positivamente le persone di tutto il mondo. Paul è stato un modello incredibile che continuerà a essere ricordato.”

“Sono così [grato] a tutti coloro che hanno donato alla raccolta fondi di mio fratello”, ha detto suo fratello Philip. “Gli ha permesso di vivere i suoi ultimi anni senza stress. Pagherà anche il suo funerale in questo momento difficile. È assolutamente incredibile leggere tutti i commenti e sapere che così tante persone sono state ispirate da Paul. Sono così grato.’

Chi era l’uomo nel polmone d’acciaio?

Nel corso di una vita straordinaria, la determinazione di Alexander lo ha visto raggiungere una serie di risultati notevoli.

A 21 anni divenne la prima persona a diplomarsi in una scuola superiore di Dallas senza mai frequentare le lezioni di persona.

Fu accettato alla Southern Methodist University di Dallas, dopo molte difficoltà con l’amministrazione universitaria, e poi entrò alla facoltà di giurisprudenza presso l’Università del Texas, ad Austin.

Ha perseguito il suo sogno di diventare un avvocato di prova e ha rappresentato i clienti in tribunale con un abito a tre pezzi e una sedia a rotelle modificata che teneva in posizione verticale il suo corpo paralizzato.

Ha anche organizzato un sit-in per i diritti dei disabili e ha pubblicato il suo libro di memorie, intitolato “Tre minuti per un cane: la mia vita in un polmone di ferro”.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.