Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Casa e Giardino

Fotovoltaico: come procedere alla manutenzione dell’impianto?

La manutenzione di un impianto fotovoltaico, obbligatoria per sistemi con potenza superiore a 11,08 kW, è strettamente consigliata anche negli impianti di piccola taglia.

Il controllo periodico dei pannelli fotovoltaici assicura infatti una perfetta funzionalità dell’apparato, massimizzandone i livelli di efficienza e preservandone il valore nel tempo. Naturalmente, si tratta di un’operazione che non può essere improvvisata: ogni più piccolo errore potrebbe compromettere il funzionamento dell’impianto.

Manutenzione impianto fotovoltaico: l’importanza di rivolgersi a tecnici qualificati

Effettuare la manutenzione di un impianto fotovoltaico in autonomia è quasi sempre controproducente. Intervenire con soluzioni fai da te, senza il supporto di un tecnico specializzato, potrebbe compromettere il funzionamento dell’impianto, causando un disservizio di gran lunga più dispendioso rispetto al costo previsto per un intervento professionale.

Allo stato attuale, infatti, la manutenzione di un impianto fotovoltaico si aggira attorno alle poche centinaia di euro, che può scendere fino a poche decine di euro per semplici controlli o operazioni di pulizia. Di conseguenza, per una perfetta manutenzione impianto fotovoltaico, è fondamentale rivolgersi a operatori qualificati, che possono intervenire sia in presenza di problematiche specifiche sia per prevenire guasti e inefficienze.

A chi rivolgersi per la manutenzione impianto fotovoltaico?

A offrire un servizio completo di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria di impianti fotovoltaici sono le realtà che si occupano dell’installazione e del controllo di sistemi di questo tipo.

Ne costituisce un esempio NWG Italia, l’azienda che offre soluzioni per il risparmio e l’efficientamento energetico, specializzata sia nell’installazione e nel collaudo sia nell’esecuzione dei controlli per il corretto funzionamento degli impianti fotovoltaici.

Le operazioni di manutenzione effettuate da NWG Italia avvengono in modo rigoroso, secondo uno schema che assicura la verifica di tutte le componenti e la sostituzione in caso di malfunzionamenti o inefficienze. Per conoscere tutti gli aspetti della proposta è possibile consultare la sezione https://www.nwgitalia.it/blog/manutenzione-impianto-fotovoltaico del sito web ufficiale, dove sono riepilogati i servizi offerti e il costo di ogni operazione.

Manutenzione ordinaria e straordinaria di un impianto fotovoltaico: perché è importante

Attraverso regolari controlli e una corretta manutenzione, un impianto fotovoltaico può garantire una perfetta efficienza per tutta la sua vita utile, che, per un sistema di questo tipo, oscilla attorno ai 25 anni. Trascurare le operazioni di manutenzione, al contrario, può influire sulle prestazione dell’impianto e, non permettendo una tempestiva sostituzione delle parti soggette a usura, può pregiudicare la funzionalità dell’intero sistema.

Per una perfetta manutenzione, il primo passo è prevedere periodiche operazioni di pulizia, in modo da eliminare il pulviscolo accumulato nel tempo che, schermando l’irraggiamento, contribuisce a diminuire il rendimento dell’impianto. A patto di adoperare prodotti specifici, la semplice pulizia può essere effettuata ache in autonomia ma, se i livelli di incrostazione sono elevati, è meglio chiedere il supporto di una squadra specializzata, che può intervenire in modo adeguato con strumenti non abrasivi.

Una operazione che invece deve essere demandata esclusivamente ai tecnici specializzati è il controllo della struttura di supporto, un check-up che consente di monitorare il serraggio dell bulloneria e la tenuta dell’intero apparato. Verificare la resistenza dei sistemi di ancoraggio è fondamentale soprattutto in previsione della stagione fredda, che sottopone l’impianto all’azione del vento e a tutte quelle condizioni atmosferiche che possono minarne il fissaggio.

Bisogna poi controllare il liquido antigelo e verificare l’integrità dei moduli fotovoltaici, che potrebbero essere danneggiati da una eventuale caduta di arbusti o da fenomeni metereologici avversi; è inoltre fondamentale effettuare un controllo del rendimento e sostituire eventuali componenti difettose, soprattutto qualora i dati di esercizio risultino non performanti come quelli previsti dal funzionamento dell’impianto.

In ogni caso, esistono parti del fotovoltaico soggette a usura o ad obsolescenza, che devono essere controllate e rimpiazzate prima che possano compromettere l’efficienza dell’impianto. È il caso dell’inverter, che richiede una sostituzione dopo circa 10 o 12 anni dalla messa in funzione, ma anche di tutte quelle componenti che nel tempo, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie, se sostituite potrebbero rendere l’impianto molto più performante.

Infine, bisogna verificare lo stato dei collegamenti elettrici, compresa l’usura delle singole guaine, un’operazione fondamentale per questioni di sicurezza, ma soprattutto per evitare interventi di riparazione di gran lunga più onerosi.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.