Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Bellezza e Cosmesi

Chirurgia refrattiva: scopriamo come eliminare i difetti visivi con il Dottor Appiotti

La chirurgia refrattiva esiste da oltre 50 anni, ma ha conosciuto un’evoluzione molto importante negli ultimi decenni, con l’introduzione di strumenti e tecniche all’avanguardia.

Naturalmente, l’abilità del chirurgo, nonché la scelta della tecnica più idonea per il singolo paziente, restano punti cardine cui riferirsi quando si decide di intervenire per correggere i difetti della vista. In tal senso, uno dei professionisti del settore che utilizza solo tecniche innovative e strumenti di ultima generazione è il medico chirurgo Angelo Appiotti, figura di spicco nell’ambito della chirurgia refrattiva che opera a Milano e Verona.

Per comprendere appieno a cosa serve la chirurgia refrattiva e come si svolge è possibile leggere l’approfondimento sul sito web ufficiale del dottore, appiotti.com, per capire quali sono i difetti refrattivi correggibili e quali sono le tecniche laser e chirurgiche per eliminarli.

I principali disturbi della vista

 

Tra i difetti visivi più diffusi nel mondo, c’è la miopia: come spiegato dal Dott. Appiotti si tratta di una condizione per cui tutte le figure vengono a cadere davanti alla retina creando immagini completamente sfuocate.

Al contrario, nell’ipermetropia le figure verranno proiettate oltre la retina, creando immagini altrettanto sfuocate, ma sia da vicino che da lontano e che dovranno essere messe a fuoco dal muscolo oculare e dal cristallino. In mancanza di questa capacità accomodativa queste immagini saranno sempre sfuocate sia da lontano che da vicino.

Analogo il comportamento dell’occhio in presenza dell’astigmatismo, dove le immagini risulteranno sfuocate a tutte le distanze.

Può anche capitare frequentemente che l’astigmatismo sia presente con la miopia o l’ipermetropia. Si tratta di condizioni molto frequenti, denominate, astigmatismo miopico o ipermetropico.

Tutte questi difetti, assieme alla presbiopia che colpisce soprattutto dopo i 40-45 anni provocando difficoltà nella lettura da vicino, possono essere risolte tramite differenti tecniche laser e chirurgiche.

 

Le tecniche più usate nell’ambito della chirurgia refrattiva

 

 

Il dottor Angelo Appiotti utilizza tutte le migliori tecniche di chirurgie refrattiva disponibili, dalla PRK alla Relex Smile. Quale impiegare dipende dal difetto visivo e dalle caratteristiche degli occhi del paziente: per questo, è importante seguire un percorso di analisi specialistiche nel quale si individua la tecnica più idonea per età, diottrie mancanti e tutta una serie di altri elementi fondamentali per la riuscita dell’intervento.

 

La PRK è una tecnica adatta a molti livelli di difetti visivi. Il laser che si impiega è quello a eccimeri, con impulsi luminosi nella regione dell’ultravioletto. Il Dott. Appiotti, dopo somministrazione di un collirio anestetico, rimuove la superficie corneale con una micro-spazzola, prima di usare il laser ad eccimeri per correggere il difetto visivo. L’operazione si conclude con l’applicazione di una lente protettiva che si rimuoverà dopo 5-6 giorni quando sarà ricostituito l’epitelio.

 

Con la FemtoLASIK, invece, il Dott. Appiotti si avvale sia del laser a eccimeri, che del laser a femtosecondi, in grado di generare impulsi luminosi nell’ordine del milionesimo di miliardesimo di secondo. Grazie alla sua estrema precisione, il chirurgo potrà creare un flap corneale, sollevarlo e correggere il difetto visivo con il laser ad eccimeri, prima di riposizionare il flap e dimettere il paziente senza dolore e già con una discreta capacità visiva.

Infine, protagonista assoluto della Relex Smile è il laser a femtosecondi, che in meno di 30 secondi per occhio crea un lenticolo che rappresenta il difetto refrattivo, che verrà successivamente estratto con abilità chirurgica attraverso una microincisione di 2 millimetri. Con questa tecnica è possibile correggere fino a 10 diottrie di miopia e 5 di astigmatismo.

Naturalmente, il Dott. Appiotti contempla anche la possibilità che un paziente possa non essere candidato ideale alle tecniche laser, quindi si potranno proporre tecniche chirurgiche come l’impianto di lente fachica (ICL), impianto di una lente al di sotto dell’iride e davanti al cristallino o la Facorefrattiva ovvero l’Asportazione del cristallino e la sostituzione dello stesso con una lente correttiva.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.