Please wait..
Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Economia

Il governo cerca di mettere in sicurezza le startup

Il mondo delle startup è considerato una ricchezza in ogni parte del globo. Il tasso di innovazione da esse espresso rappresenta un patrimonio in grado di proiettare l’economia nel futuro, quindi assolutamente da non disperdere. Proprio per questo il governo italiano sta pensando ad un piano in grado di fronteggiare la crisi e aiutare le startup a resistere in un momento così particolare.

Negli ultimi anni, le startup si sono affermate come uno dei principali motori dell’innovazione e della crescita economica in molti paesi del mondo. Tuttavia, a causa della loro natura spesso sperimentale e imprenditoriale, queste giovani imprese possono essere vulnerabili a una serie di rischi e incertezze.

Per questo motivo, il governo sta cercando di mettere in sicurezza le startup, al fine di creare un ambiente favorevole per la loro crescita e prosperità. Attraverso una combinazione di politiche pubbliche, finanziamenti e supporto tecnico, il governo sta lavorando per garantire che le startup siano in grado di prosperare, innovare e creare posti di lavoro, senza dover affrontare inutili rischi e difficoltà. Questo sforzo rappresenta un importante impegno per il futuro delle startup e per l’economia globale nel suo complesso.

Un piano per salvare le startup

Iniziamo a definire il termine startup. Startup è un’impresa innovativa che nasce con l’obiettivo di creare un prodotto o un servizio che risponda a un’esigenza di mercato ancora non soddisfatta. Le startup sono solitamente caratterizzate da un alto grado di innovazione, agilità e capacità di adattamento al cambiamento.

Inoltre, spesso si sviluppano in settori ad alta tecnologia, come ad esempio il software, l’intelligenza artificiale o la biotecnologia. Le startup rappresentano una forza motrice nell’economia globale, poiché hanno il potenziale di rivoluzionare i mercati esistenti e di creare nuove opportunità di lavoro e di crescita.

Bastano i numeri per far capire l’importanza che, anche in Italia, sta assumendo il mondo delle startup innovative: 11.206 imprese, con un valore della produzione medio attestato a 169mila euro, 65.140 lavoratori attivi  e un capitale sociale complessivo di 643,3 milioni di euro. Cui devono essere aggiunti i vari incubatori e acceleratori di innovazione tecnologica, culturale e imprenditoriale che sono stati attivati in questi ultimi anni.

Un mondo messo in pericolo dalla penuria di capitali per lo sviluppo che caratterizza la crisi in atto. Tanto da indurre l’esecutivo a pensare ad un piano in grado di non perdere un’esperienza così significativa.

Cosa prevede il piano

Il piano sarebbe articolato in più azioni. A partire dal varo di un Fondo straordinario da 200 milioni per operare in parallelo con gli investitori privati nelle startup innovative che hanno bisogno di liquidità, tramite un finanziamento agevolato a 10 anni. Nel caso in cui un imprenditore privato investirà nella startup, lo Stato attiverà il Fondo Nazionale per l’innovazione per importo fino a 4 volte quello investito dal privato. Sarà poi la società finanziata a decidere se restituire il prestito oppure convertirlo in azioni. Tra gli altri punti qualificanti c’è anche il rifinanziamento del programma Smart and Start, di Invitalia, che sin dal 2015 si incarica di finanziare il settore. Inoltre dovrebbero essere messi in campo incentivi fiscali per i privati che intendano investire nelle startup.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.