Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Salute e Benessere

Intolleranza al lattosio: lo yogurt e gli altri cibi amici che non ti aspetti

Le persone che soffrono di intolleranza al lattosio spesso evitano di mangiare prodotti lattiero-caseari nel tentativo di evitare effetti collaterali indesiderati, fastidiosi o imbarazzanti.

Tuttavia, non tutti i latticini sono ricchi di lattosio. A seconda della gravità dell’intolleranza al lattosio, infatti, si può essere in grado di consumare alcuni alimenti a basso contenuto di lattosio.

D’altronde l’intolleranza al lattosio è un problema digestivo molto comune che colpisce circa il 65% della popolazione mondiale. È interessante notare che è più diffusa in Asia e in Sud America, mentre è molto meno comune in alcune parti del mondo occidentale, tra cui Nord America, Europa e Australia.

La caratteristica fisica di chi ne è affetto è la carenza di un enzima chiamato lattasi, che si trova nell’intestino e che è necessaria per scomporre il lattosio, il principale zucchero presente nel latte.

Senza lattasi, il lattosio può passare attraverso l’intestino non digerito e causare sintomi spiacevoli, tra cui nausea, dolore, gas, gonfiore e diarrea.

Il timore di sviluppare questi sintomi può indurre le persone affette da questa condizione a evitare gli alimenti che contengono lattosio, come i latticini. Tuttavia, questo non è sempre necessario, poiché non tutti i latticini contengono abbastanza lattosio da causare problemi alle persone con intolleranza.

Infatti, si ritiene che molte persone con intolleranza possano mangiare fino a 12 grammi di lattosio senza avvertire alcun sintomo. Per intenderci, 12 grammi sono la quantità contenuta in 1 tazza (230 ml) di latte.

Tuttavia, va precisato che l’intolleranza al lattosio ha effetti diversi per ogni persona e per alcune persone 12 grammi possono essere comunque troppi. Pertanto, è importante essere consapevoli dei propri sintomi e della quantità di lattosio che si può sopportare.

Inoltre, ricordate che la stima di 12 grammi si riferisce all’intera giornata. Quindi, se si beve un bicchiere di latte, poi si spalma del burro sul pane e si finisce per prendere un cappuccino con latte schiumoso si superano i 12 grammi, anche quando si scelgono opzioni a basso contenuto di lattosio.

Fortunatamente ci sono alcuni alimenti a base di latte che sono naturalmente a basso contenuto di lattosio.

Via libera allo yogurt

Le persone con intolleranza al lattosio spesso trovano lo yogurt molto più facile da digerire rispetto al latte. Questo perché la maggior parte degli yogurt contiene batteri vivi che possono aiutare a scomporre il lattosio, in modo che il corpo debba elaborarne meno da solo.

Nonostante ciò, molte persone ancora oggi pensano che questo alimento sia bandito dalle diete di chi mal tollera il lattosio. Per questo motivo, il giornale online di divulgazione scientifica specializzato Lattendibile.it ha realizzato un approfondimento proprio perché conoscere lo yogurt è importante e può aiutare molte persone a vivere meglio il proprio rapporto con il latte e i suoi derivati.

Infatti, uno degli studi sulla digestione del lattosio ha suggerito che, quando si mangia uno yogurt, il tratto digestivo delle persone trattiene il 60% in meno di lattosio non digerito rispetto a quando si consuma la stessa quantità di latte.

Generalmente, è meglio cercare gli yogurt probiotici, che contengono colture vive di batteri utili e gli yogurt interi e quelli filtrati, come lo yogurt greco, potrebbero essere una scelta ancora migliore per le persone con intolleranza al lattosio.

Questo perché gli yogurt interi contengono più grassi e meno siero di latte carico di lattosio rispetto agli yogurt magri.

Burro a basso contenuto di lattosio

Il burro è un prodotto lattiero-caseario ad alto contenuto di grassi che si ottiene dalla zangolatura della panna o del latte per separare i componenti solidi grassi da quelli liquidi.

Il prodotto finale è costituito da circa l’80% di grassi, poiché la parte liquida del latte, che contiene tutto il lattosio, viene rimossa durante la lavorazione.

Ciò significa che il contenuto di lattosio del burro è davvero basso. Infatti, 100 grammi di burro contengono solo 0,1 grammi di lattosio. Ed è quindi improbabile che livelli così bassi causino problemi, anche se si ha un’intolleranza.

Formaggio: più è stagionato meglio è!

La quantità di lattosio presente nel formaggio può variare e i formaggi con le quantità più basse sono quelli che sono stati stagionati più a lungo. Questo perché i batteri presenti nel formaggio sono in grado di scomporre parte del lattosio rimanente, riducendone il contenuto.

I formaggi a basso contenuto di lattosio sono il parmigiano, lo svizzero e il cheddar. Porzioni moderate di questi formaggi possono spesso essere tollerate dalle persone con intolleranza al lattosio. Anche i formaggi come i pecorini, prodotti con latte di pecora, sono naturalmente a basso contenuto di lattosio, poiché il latte di pecora ha concentrazioni inferiori di lattosio rispetto al latte vaccino.

Mentre i formaggi che tendono ad essere più ricchi di lattosio sono i formaggi spalmabili, i formaggi a pasta molle come il Brie o il Camembert, la ricotta e la mozzarella.

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.