Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Tecnologia

Contenuti gratuiti in rete, perché sono un’ottima strategia di marketing?

Internet è stato capace di sdoganare diverse tendenze. In particolare ha reso popolarissimi contenuti che prima dell’avvento della rete non sarebbe stato possibile. In particolare è stato sdoganato il concetto di gratuità. In un mondo in cui si paga tutto – in alcuni contesti anche l’aria che si respira – internet ha reintrodotto il concetto più vecchio del mondo, utile a fini di marketing, eppure bistrattato e accantonato troppo spesso ingiustamente. Onori ed oneri della rete ed ovviamente viatico per nuove generazioni di utenti desiderosi prima di provare, eventualmente poi di acquistare o sottoscrivere abbonamenti. Inutile dire che si è trattato di un successo.

Come la gratuità attira clienti

Il concetto di “gratis” basta da solo per attirare clienti. In rete, infatti, chiunque è un potenziale acquirente. Per stimolare le attenzioni degli utenti, dunque, i portali permettono di sfruttare determinati contenuti in maniera del tutto gratuita. Una manna dal cielo, utile per accrescere il numero di contatti ma anche allargare i fatturati delle società. Così nasce l’idea di proporre – anche per periodi di tempo limitati – contenuti gratuiti. Dopo un certo periodo, poi, scatta la possibilità di scegliere se sottoscrivere abbonamenti o meno. Ma nel frattempo ci si gode i confort che offre quel prodotto. Così hanno fatto – fino a poco tempo fa – i colossi dello streaming on-demand come Netflix: periodi di prova, possibilità di accesso illimitato ai contenuti e al termine della prova possibilità di scegliere un piano tariffario. Amazon si è mosso nella stessa direzione: il servizio Prime, che contiene al suo interno vari pacchetti, dallo streaming video alla musica, è disponibile in versione di prova. Poi, alla fine, pagando una modica cifra si accede all’intero universo del colosso creato da Jeff Bezos. E così un po’ tutti i canali presenti in rete, dall’e-commerce all’informazione digitale. Poi ci sono piattaforme che in rete offrono sempre gratuitamente i loro servizi.

L’intrattenimento fa scuola

Il caso più celebre è quello di YouTube, che sulla gratuità dei suoi contenuti ha costruito un impero capace di sopravvivere al tempo e alle sue intemperie. Il “Tubo”, come generalmente indicato dai suoi assidui frequentatori, oggi ha una versione Premium, offre la possibilità di noleggiare film e contenuti in streaming ma non ha perso la sua originalità con la possibilità di iscriversi ai canali gratuitamente e di sfruttare tutta la libreria circolante sulla piattaforma. Il mondo del gioco ha seguito lo stesso esempio. Oggi completamente digitale, il gioco ha il suo canale a pagamento che si apre in diverse direzione ma anche contenuti gratuiti sempre disponibili per gli utenti interessati. Il caso più famoso è quello dei giochi slot vlt gratis, che altro non sono che contenuti sempre gratuiti e a disposizione degli utenti, curiosi e non, che decidono di provare. Molti – spesso – diventano poi appassionati e prendono altre strade. Da questo punto di vista l’intrattenimento fa scuola: molti settori si ispirano al mondo dell’entertainment proprio per ragioni di marketing e strategie di comunicazione. Spesso, infatti, queste hanno fatto la differenza. La Rete permette questo ed altro. 

Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.