Il gioco d’azzardo esiste da migliaia di anni. La gente da sempre amava i giochi e si divertiva anche nell’antico Egitto, in Grecia e nell’antica Roma. I guerrieri che avevano bisogno di riposo e una tregua da guerre e battaglie spesso, trovavano conforto in un gioco che li aiutava a distrarsi e curare sia all’anima  che  il corpo.

Come si divertivano i faraoni dell’Antico Egitto

A molte persone piace il tema dell’Antico Egitto, perché è ancora pieno di molti segreti. Apparendo nel 4000 a.C., la civiltà egizia ha portato un numero enorme di scoperte sorprendenti. Uno dei dettagli interessanti di questa civiltà era il gioco d’azzardo. Non sorprende che i giocatori moderni spesso scelgano e giochino alle slot online sul tema dell’antico Egitto, ad esempio il famoso Book of Ra. Il gioco d’azzardo era diffuso nell’antico Egitto e popolare non solo tra guerrieri, ma anche tra tutti i segmenti della popolazione. Avevano molta scelta quanto pare. Oggi, gli storici hanno prove che gli egiziani inventarono molti giochi difficili da trovare in altre civiltà di quel tempo.

Com'è iniziato tutto: quali giochi d'azzardo erano popolari nelle civiltà antiche 1

I ricercatori affermano che in quei giorni gli abitanti dell’Egitto giocavano:

  • Mekhen – molto probabilmente un analogo della roulette moderna, che utilizzava un disco con una cavità a spirale, oltre a diverse palline e figure di animali;
  • Senet – qualcosa di simile alle nostre pedine, ma con regole e caratteristiche specifiche non molto chiare. Durante gli scavi, sono stati in grado di trovare una tavola e una varietà di trucioli che hanno poca somiglianza tra loro;
  • Tyau è un gioco dell’antico Egitto chiamato anche “20 quadrati”. Per questo gioco hanno usato una varietà di figure che sembrano scacchi e una scacchiera con tre linee punteggiate da quadrati.

Divinità greche giocavano i dadi sul Olimpo

L’antico poeta greco Ovidio ha lasciato riferimenti al gioco nelle sue opere: “Ci dimentichiamo di noi stessi giocando, ci riveliamo nella passione. Tutto ciò che è nei nostri cuori sale nel palmo della tua mano.” I giochi d’azzardo erano disponibili per diversi segmenti della popolazione greca. Come prova, gli scienziati dimostrano reperti unici: ciottoli da gioco, dadi, fiches.

Com'è iniziato tutto: quali giochi d'azzardo erano popolari nelle civiltà antiche 3

Sul territorio degli antichi insediamenti del Bosforo si trovano abbastanza spesso i dadi, anche nelle sepolture. Forse, anche nell’aldilà, il popolo del Bosforo sperava di giocare. Oltre ai cubi, gli archeologi trovano i gettoni fatti di argilla, pietra, osso o metallo. Questo è un altro gioco da tavolo. Le sue radici risalgono a tempi antichissimi, fiches sono state trovate nelle piramidi egizie, i reperti più antichi risalgono al 2500 a.C.  I greci credevano che questo intrattenimento fosse stato inventato da Palamede durante i dieci anni di assedio di Troia. I gettoni venivano posizionati su una tavola divisa in celle multicolori. Per vincere, era necessario circondare le fiches dell’avversario.

Il gioco dei dadi, come credevano i Greci, piaceva agli dei, e colui che vinceva era considerato il prescelto degli dei e poteva contare sulla loro misericordia.

Divertimento nel antica Roma

Una delle espressioni più famose che ci sono giunte dai tempi antichi è “Panem et circenses!”

Il significato originale della frase usata dal poeta satirico romano Giovenale è leggermente cambiato, ma rimane ancora attuale. Molti secoli fa, alcuni imperatori di Roma presero il potere corrompendo la gente con spettacoli circensi e distribuzione di cibo.

Il fatto che i  nostri antenati siano diventati dipendenti dal gioco è testimoniato da una legge introdotta nel 3° secolo aC che proibiva il gioco d’azzardo. Tacito ha scritto che i romani hanno messo in gioco “libertà e corpo”. A cosa gli piaceva giocare nell’Antica Roma?

Com'è iniziato tutto: quali giochi d'azzardo erano popolari nelle civiltà antiche 5

Dopotutto, era impossibile trascorrere tutta la giornata esclusivamente nelle terme romane, nelle arene dei gladiatori o fori romani. Anche perché un tale intrattenimento era disponibile per un piccolo strato di cittadini facoltosi.

Gli uomini dell’antica Roma, indipendentemente dalla classe, adoravano il gioco d’azzardo. Questo amore non poteva essere spezzato da alcuna restrizione e proibizione.

Lo stesso imperatore Augusto – un esempio per i concittadini nella moderazione delle emozioni e senza pretese di vita – non poté resistere alla tentazione. Svetonio cita le sue lettere a Tiberio e sua figlia Giulia. E se ha semplicemente raccontato al primo il tempo che ha trascorso giocando con gli amici, il secondo ha inviato denaro “nel caso qualcuno volesse giocare a dadi o dispari e pari a cena”.

“Pari/dispari”, in latino par impar, era molto popolare nell’antica Roms. È stato più volte citato da autori antichi, quindi non è difficile ripristinarne le regole. Un giocatore tiene in pugno diversi piccoli oggetti, il secondo deve indovinare: un numero pari o dispari di essi è nascosto.

La vittoria era di solito ciò che veniva giocato. Se hanno giocato con sciocchezze: fagioli, noci,pietre, allora questa è alea minor. Se con tessere (gettoni di gioco) o denaro, allora par impar è già alea maior e il guadagno è più significativo rispetto alla prima opzione.

A proposito, il par impar veniva spesso utilizzato come variante del sorteggio. Ecco perché la famosa frase di Giulio Cesare “Alea iacta est” (il dado è tratto) nell’originale Svetonio suona come “alea jacta est”.

Per quanto interessante possa essere stato il gioco d’azzardo antico, i giochi moderni hanno molti più vantaggi. Puoi trovare tutte le informazioni necessarie sui siti di giochi da casinò online in Italia su https://topcasinoonlinesicuri.it. Notizie fresche e materiali pertinenti aiuteranno ai giocatori a sentirsi a proprio agio e sicuri durante il gioco.

 

x
Previous articleBonus bagno 2022: come richiederlo, a quanto ammonta
Next articleBonus libri di testo Lazio 2022/2023

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here