L’antica Roma ha lasciato un’eredità incredibile che comprende meraviglie architettoniche, dipinti di alcuni dei più talentuosi artisti del Rinascimento, numerose leggi ancora oggi in vigore, il primo acquedotto del mondo e molto altro ancora. L’elenco è infinito. Si scopre che il gioco d’azzardo nel senso abituale di persona media è apparso anche nel Grande Impero Romano. Tali informazioni, almeno, possono essere spesso reperite nei numerosi casinò locali terrestri, e in una varietà di casinò online non aams, che in Italia operano in maniera piuttosto consistente. L’interesse per questi stabilimenti di gioco d’azzardo virtuale è in costante crescita grazie ai bonus più interessanti (rispetto ai portali con licenza italiana), all’assenza di restrizioni e a un’ampia varietà di attività nelle librerie di gioco del casinò. Le informazioni sulla maggior parte di queste risorse di gioco sono disponibili sul sito web casinosenzaaams.com.

Proviamo a tornare indietro nel tempo e a tracciare il percorso dai primi progenitori del gioco d’azzardo all’industria del gioco d’azzardo come la conosciamo oggi.

L’Italia è la culla dei casinò?

Secondo i resoconti storici, il gioco d’azzardo era piuttosto popolare nell’Impero Romano. La gente scommetteva sul gioco d’azzardo nel Colosseo, dove i gladiatori combattevano fino alla morte, e il tanto amato baccarat, secondo una versione, è nato nella penisola appenninica.

Quello che è certo è che i Romani amavano i giochi d’azzardo. Uno dei giochi da tavolo più popolari al mondo: il backgammon. Il suo immediato predecessore con il nome di Ludus Duodecim Scriptorum è certamente apparso qui. Ed è considerato un gioco d’azzardo perché alle persone piace giocare per soldi.

Nel corso del tempo, l’industria del gioco d’azzardo ha continuato a svilupparsi in Italia. La prima casa da gioco, chiamata Il Ridotto, il precursore dei casinò terrestri, aprì a Venezia nel 1638. Lo stabilimento è stato creato per raccogliere fondi per le autorità cittadine durante il carnevale annuale. A Venezia c’erano molti posti dove si poteva giocare d’azzardo, ma questo era l’unico locale legale della città all’epoca. L’idea ebbe successo e la casa da gioco divenne molto popolare tra i ricchi locali e i visitatori di Venezia. Come oggi, solo i benestanti potevano visitarlo, perché la posta in gioco era troppo alta per la gente comune. Cioè, il calzolaio o il panettiere medio non poteva entrare in nessun caso.

Nel 1774 IL Ridotto fu chiuso per ordine delle autorità locali, ma la voglia di sensazioni forti del pubblico non divenne un ostacolo insormontabile per gli appassionati del gioco d’azzardo. Cominciarono ad aprire locali al chiuso dove le persone potevano soddisfare la loro ardente passione per il gioco d’azzardo. Proprio da questi locali è derivato il nome di casinò, di origine italiana. Dopo qualche tempo il divieto fu revocato e IL Ridotto riprese la sua attività, ma con il nome di Casino di Venezia. Come si può notare, la parola “casinò” è rimasta radicata nella vita degli italiani da allora. Oggi il casinò ha un successo strepitoso, essendo uno dei più antichi del pianeta.

L’influenza del Ridotto sui moderni casinò

La chiesa di San Moise fu la scelta veneziana per il casinò. Era una delle quattro ali di questo imponente edificio dedicato alle attività di gioco d’azzardo dei ricchi cittadini.

Come testimoniano i ricordi di quegli anni, la casa da gioco non era meno lussuosa dei più famosi casinò moderni. Gli ospiti venivano accolti da un lungo salone che conduceva a splendide sale da pranzo, le cui pareti e il cui soffitto erano stati dipinti dal famoso pittore dell’epoca, Gerolamo Colonna. I visitatori si abbandonavano alla passione del gioco d’azzardo nelle ampie sale ai costosi tavoli da gioco, dove erano circondati da mobili costosi e oggetti d’arte altrettanto lussuosi.

IL Ridotto aveva un codice di abbigliamento molto rigido (cappello triangolare e maschera erano obbligatori per gli uomini). Non dimentichiamo che la casa da gioco è stata originariamente aperta per il carnevale annuale veneziano.

Probabilmente da allora, le visite ai casinò terrestri hanno utilizzato edifici spaziosi e belli che la persona media associa alla ricchezza e al lusso. Per molti versi, l’architettura grandiosa degli attuali casinò terrestri, gli interni costosi, il codice di abbigliamento obbligatorio, i magnifici ristoranti gourmet e le bevande sono un tributo ai primi casinò italiani, che si sono evoluti in una cosiddetta icona di stile, dalla quale oggi è considerato scorretto discostarsi.

 

 

x
Previous articleBonus prima infanzia 2022, requisiti, domanda
Next articleBonus vacanze senza isee 2022, scadenza, requisiti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here