Fra le soluzioni maggiormente impiegate, per far fronte all’inquinamento atmosferico, l’acquisto di una macchina elettrica è una delle più sensate. Il punto focale di quest’articolo sarà incentrato su quanto denaro il cittadino spende, per la ricarica un’auto di questo tipo.

Iniziamo a considerare il caso della Svizzera, dove l’energia elettrica, per una serie di ragioni, è a basso costo. La dislocazione dell’energia da un punto ad un altro, in questo Paese, può essere molto ridotta, quindi il prezzo è, automaticamente, molto contenuto. In quella località, il costo annuo di questa categoria di energia oscilla dai 300 ai massimo 560 euro.

Se invece si desidera rifornire la propria automobile, presso la propria dimora, i costi risultano essere ancora più adeguati. Negli ultimi tempi, la tecnologia è progredita al punto che grazie a delle celle solari, installate sul tetto delle abitazioni, e tale carica può essere gestita intelligentemente dalla casa stessa. I pro? Il prezzo della ricarica è molto più limitato e si può amministrare il tutto, molto più autonomamente.

L’ultimo punto da analizzare rimasto è il costo di una ricarica alle colonnine. Sebbene il costo, in questo caso, non sia fisso ma dipenda da una molteplicità di fattori, possiamo asserire che il prezzo corrisponde, generalmente, alla somma di 18 euro, per la modalità lenta e al totale di 20 euro, per quella veloce.

 

 

 

 

x
Previous articleRilascio passaporto, quali sono le tempistiche? Ecco cosa cambia
Next articleRimborso pedaggio autostradale: novità, l’app per richiederlo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here