YouTube è senza dubbio uno dei canali più utilizzati e popolari del web. Immaginare la vita senza sarebbe ormai impossibile: tramite questa piattaforma è infatti possibile ascoltare musica, registrare tutorial, vedere film o scene di film, ascoltare podcast o girare video in streaming da caricare. Le vie e le potenzialità di YouTube sono assolutamente vaste, infinite e ricche di diversità!

Ma è possibile anche guadagnare con YouTube? E quanto paga YouTube, esattamente?

Ecco tutti i consigli su come diventare ricchi con YouTube!

Guadagni YouTube: come funziona?

Per cominciare, è necessario chiarire uno dei più grandi fraintendimenti esistenti sul web: non è assolutamente il canale a pagare i content creator per l’aggiunta di materiale sul sito. Per monetizzare con il tubo, bisogna rispettare determinati canoni molto precisi e rispettare altrettante regole. La credenza che i contenuti siano direttamente pagati non è vera, né bisogna credere a chi sostiene possa essere così.

Ma cosa bisogna fare quindi, per monetizzare sul canale?

Monetizzazione YouTube: come attivarla

Per attivare il sistema di monetizzazione, bisogna infatti attivare le apposite impostazioni dal proprio account. Si aderisce, dunque, al Programma partner di YouTube ( rispettando necessariamente determinati requisiti o caratteristiche). Un altro modo possibile per attivare il sistema di guadagno è quello di pubblicare i propri contenuti su YouTube Premium.

Come diventare youtuber, dunque? Come si guadagna con Youtube e quanto guadagna uno youtuber? Ecco tutte le risposte!

Come guadagnare con YouTube

Per iniziare a guadagnare ed attivare dunque un proprio canale di contenuti, è necessario raggiunger una quota minima di utenti iscritti. Per questa piattaforma in particolare, si parla di un minimo di 1000 subscribers per cominciare a monetizzare qualcosa.

Tuttavia, le regole del mercato previste dai canali web non si basano esclusivamente sul numero di iscritti o di visualizzazione come si crede normalmente. Infatti, si uniscono altri fattori che rendono più o meno efficace il profilo di uno youtuber rispetto agli altri. Di cosa si tratta? Quanto si guadagna con YouTube dipende anche e soprattutto dall’esistenza di business paralleli. Molti youtuber hanno infatti una loro linea di merchandising, con gadget a tema e prodotti creati on demand. T-shirt, cappelli, sciarpe, anelli: qualsiasi prodotto vendibile agli utenti con un brand personalizzato può portare guadagni sostanziosi.

Il segreto dello youtuber: il mercato di nicchia

Insomma, non importa solo il traffico creato dal content creator, ma soprattutto il mercato e il marchio che vanno a circondare la sua persona. Lo youtuber, in qualche modo, deve brandizzare se stesso e ciò che lo rende unico. Gli esperti, infatti, tengono a sottolineare quanto sia importante per coloro che creano contenuti sul “tubo” riuscire a fidelizzare un mercato di nicchia, che si riferisca ad un target specifico, fidelizzato e interessato a quel determinato prodotto.

Il primo passo, prima di iniziare a produrre, è dunque sviluppare le skills necessarie ad analizzare il pubblico degli internauti che usano il canale. Dopo aver analizzato trend e gusti degli utenti, sarà possibile mettere sul mercato del web un prodotto rivolto alla fidelizzazione di un determinato settore, proponendo contenuti appositi.

Previous articleMuffa ed altri problemi noti delle case prefabbricate
Next articleCome ricaricare Paypal: con contanti, con tabaccaio, da app