Un’azienda di successo deve i suoi risultati grazie a un team di lavoro efficiente e valorizzato a 360 gradi. Lo chiamano infatti capitale umano, perché da esso scaturisce un meccanismo virtuoso che porta una società a crescere e a fatturare. Le persone sono tra le risorse più importanti di un’azienda e per questo vanno tutelate, motivate e preservate.

Secondo alcuni studi, i dipendenti di un’azienda considerano più motivante essere apprezzati per il lavoro svolto, essere coinvolti nelle decisioni e nelle criticità lavorative, ma soprattutto stabilire un rapporto empatico e diretto. A queste peculiarità si aggiungono altre condizioni complementari come la sicurezza del posto di lavoro, un buon livello di stipendio, opportunità di crescita professionale e buone condizioni lavorative.

Affidare e delegare responsabilità

Una delle strategie per motivare il personale in azienda è quella di affidare ai dipendenti dei compiti o delle responsabilità da gestire con regolarità. Questo implica un’assunzione di impegno da parte di un referente aziendale che, a tal proposito, dovrà assumersi il compito di formare i dipendenti per permettere loro di svolgere compiti più impegnativi o coordinare un team di collaboratori.

Questo è il punto di partenza per motivare i dipendenti, prendersi la responsabilità del loro benessere e del loro operato.

Condividere gli obiettivi aziendali

In ogni azienda ci sono ruoli e gerarchie, ma è errato pensare che chi ha meno responsabilità non svolga una funzione centrale e che nel suo piccolo non dia un contributo importante anche solo all’immagine della società.

Compito del titolare o del team dirigenziale condividere gli obiettivi aziendali e per farlo è importante coinvolgere tutti i dipendenti e monitorare le singole attività. Dalla receptionist al venditore, dall’assistente a chi gestisce l’archivio esiste una mission da condividere ed è importante che ciascuno di questi operatori svolga bene il proprio lavoro, affinché tutta la filiera produttiva ne tragga vantaggio.

In sostanza per motivare i dipendenti è necessario evidenziare che i loro obiettivi personali sono utili al raggiungimento del successo aziendale e pertanto con il loro contributo professionale supporteranno il raggiungimento del risultato.

I dipendenti: persone di valore e non matricole

Nelle aziende di grandi dimensioni capita spesso che le persone siano considerate dei numeri e in quanto tali devono garantire una certa produttività in volumi e quantità. Spesso tra colleghi non ci si conosce, né si creano situazioni di convivialità perché ognuno impegnato nella propria funzione.

Ne consegue una gestione del lavoro sterile e veicolata solo a un obiettivo minimo. Per evitare questa condizione è prioritario lavorare affinché si crei un ambiente di lavoro sereno, pulito, luminoso e allegro, in modo da incentivare di conseguenza una produttività più elevata: un posto di lavoro dove incrociare un collega col sorriso sulle labbra e dare il buongiorno, dove il titolare sappia creare un rapporto empatico e la pausa caffè rappresenti un vero momento di svago e interazione. In un’azienda così chiunque non esiterebbe a fermarsi qualche minuto in più per finire un lavoro o fornire supporto a un collega in difficoltà.

Molti sondaggi sulla qualità del lavoro evidenziano il piacere di lavorare in un ambiente confortevole e con un buon clima di gruppo guadagnando meno, rispetto ad un lavoro in un contesto ostile anche se ben pagato.

Promozioni ed incentivi

I dipendenti vanno anche incentivati e in questo senso sono molti i modi in cui un’azienda può agire. Raggiungere un obiettivo premia e la maggior parte delle aziende sceglie di farlo attraverso diverse iniziative come riconoscere delle percentuali sulle vendite ai commerciali o omaggiare i dipendenti attraverso dei gadget aziendali come le borracce personalizzate che d’estate non possono mancare su ogni scrivania. La gadgettistica aziendale è tra le attività di promozione interna ed esterna all’azienda che porta i maggiori risultati in termini di apprezzamento e visibilità del brand. Regalare un cadeaux aziendale conferisce al dipendente che lo riceve un senso di appartenenza, ma soprattutto una rinnovata carica motivazionale.

Coinvolgere nelle decisioni e mostrare apprezzamento

Coinvolgere i dipendenti nelle decisioni, attraverso anche attività di team building, aiuta molto perché aumenta la loro autostima e li incoraggia a  fornire contributi preziosi proponendo soluzioni innovative. Anche chiedere una semplice opinione o sottoporre un progetto per capirne le potenzialità consente di stringere nuove relazioni all’interno di un gruppo lavorativo e scoprire potenzialità in collaboratori fino a quel momento rimasti nell’ombra.

Di pari importanza è saper riconoscere il merito al dipendente che porta a compimento un compito o semplicemente svolge la sua mansione. Ritagliarsi dei momenti per elargire apprezzamenti sul lavoro dei propri dipendenti crea un circolo virtuoso, stimolando al far bene tutta la rete aziendale.

 

 

Previous articleSocial Housing: cos’è e quali vantaggi offre
Next articleConsigli e passaggi per creare un e-commerce da zero