Putin ha dichiarato durante un incontro con i funzionari governativi venerdì, trasmesso dalla televisione Rossiya 24, che le sanzioni imposte alla Russia danneggiano molto di più i Paesi che le applicano. Un’ulteriore implementazione del programma di sanzioni potrebbe avere effetti molto più disastrosi, se non catastrofici, sul mercato energetico globale.

Dall’inizio dell’anno, i prezzi del greggio Brent sono aumentati di oltre un terzo e quelli del gas di riferimento europeo sono più che raddoppiati a causa delle sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina. Il conseguente problema dell’approvvigionamento di petrolio ha ostacolato lo sviluppo economico globale e ha aumentato l’inflazione, aumentando così la probabilità di una recessione.

 

L’obiettivo di queste misure era diminuire il flusso di petrodollari nelle casse del Cremlino e spingere Putin a porre fine al conflitto. In risposta, la Russia ha reindirizzato le sue esportazioni di petrolio verso l’India e la Cina e ha limitato le forniture di gas all’Europa. Come riferito dal presidente della sua nazione, la produzione di petrolio è aumentata di 0,5 milioni di barili al giorno a giugno, portando il totale a 10,7 milioni di barili al giorno.

 

Putin ha dichiarato ai membri del suo gabinetto, tra cui il vice primo ministro Alexander Novak e Igor Sechin, amministratore delegato della compagnia petrolifera russa Rosneft PJSC, che i tentativi dei Paesi occidentali di individuare alternative per l’approvvigionamento energetico russo non daranno risultati rapidi.

 

Putin ha dichiarato: “Vediamo l’Occidente tentare di costringere altre nazioni esportatrici di petrolio ad espandere la loro produzione”. Tuttavia, ha aggiunto che il mercato globale dell’energia “non permette alcuna fretta”. Gli errori già commessi non possono essere corretti in pochi giorni.

Previous articleInvestimenti: come imparare a giocare in borsa grazie alle simulazioni
Next articleWow! Riesci a crederci? Belén Rodriguez ha un sosia