Quando si parla di speculazione in economia, in genere ci si riferisce alle operazioni compiute dai traders sui mercati finanziari e, spesso, si usa questo termine in un’accezione negativa; in realtà si tratta semplicemente dell’attività compiuta dagli investitori, soprattutto nel trading online, che cercano di ottenere profitti dall’acquisto o dalla vendita di determinati asset.

Speculazione significato

La speculazione finanziaria può essere definita come l’attività che sfrutta le fluttuazioni del mercato per ottenere, a fronte di un certo grado di rischio, un profitto dal capitale investito. Questo tipo di attività, naturalmente, non avviene solo sui titoli azionari ma su tutti gli altri strumenti finanziari disponibili sul mercato.Sorvolando sugli aspetti che riguardano la liceità e il rispetto delle regole (aggiotaggio, insider trading etc, sono reati e non attengono alla speculazione in senso tecnico), gli speculatori in borsa, osservano il mercato, analizzano le opportunità di investimento, studiano l’andamento di un determinato asset e quando individuano un’opportunità, lo acquistano ad un determinato prezzo pensando di poterlo rivendere ad un prezzo superiore. E’ possibile anche operare all’inverso, vale a dire ottenere un profitto scommettendo su un ribasso, operazione particolarmente comune sui derivati e sugli indici.Per fare sì che ciò accada, il trader sfrutta l’instabilità dei mercati; in momenti di alta volatilità, ad esempio, la fluttuazione dei prezzi è molto accentuata e ciò genera potenziali guadagni molto alti; naturalmente quando i prezzi oscillano notevolmente aumentano anche i rischi connessi all’attività speculativa.

Come funziona

Anche se il confine tra speculazione ed investimento è labile, in realtà la speculazione avviene in un arco temporale molto più ristretto e non si basa sul valore o sul rendimento dell’asset, ma esclusivamente sulle fluttuazioni del suo prezzo; tipico esempio di speculazione è la vendita allo scoperto, vale a dire un’operazione finanziaria che ha per oggetto la vendita di titoli non posseduti dal trader ma presi in prestito dietro un corrispettivo, in previsione di un profitto realizzato da un movimento speculativo ribassista (vende oggi per riacquistare domani ad un prezzo inferiore). La presenza degli speculatori, in realtà, è essenziale per i mercati finanziari poiché senza la speculazione opererebbero solo venditori e compratori, e in questo caso è facile immaginare i mercati a crescita molto più limitata.I vantaggi delle speculazioni in borsa sono connessi principalmente alla possibilità di ottenere profitti in breve tempo, ma occorre sempre considerare il grado di rischio a cui si va incontro; i mercati sono influenzati non solo dalle regole interne ma anche da elementi esogeni come notizie politiche, di micro o macro economia, avvenimenti dal forte impatto sociale o mediatico.Chi fa trading on-line, quindi, monitora in continuazione non solo il trend del mercato e quello del titolo su cui intende operare, ma anche il calendario economico e rimane sempre aggiornato sui principali avvenimenti che riguardano la politica, l’economia e la società. Un metodo per limitare il rischio di ingenti perdite è quello di diversificare le proprie operazioni, così da spalmare il rischio su diversi asset, relativi a varie tipologie di strumenti e questo, di norma, contiene il rischio connesso alle operazioni compiute solo su un titolo.

x