Chi è Andrey Kortunov, direttore del Russian International Affairs Council a Mosca

Il Dr. Andrey Kortunov è il Direttore Generale del Consiglio Russo per gli Affari Internazionali di Mosca.

Andrey Kortunov in precedenza è stato vicedirettore dell’Istituto per gli studi statunitensi e canadesi.
È stato fondatore e primo presidente della Moscow Public Science Foundation.

Ha insegnato politica estera russa all’Università di Miami e al Lewis & Clark College di Portland (Università della California).

Nel 2011 è stato eletto Direttore Generale del Consiglio Russo per gli Affari Internazionali partnership senza scopo di lucro istituita per ordine del Presidente della Federazione Russa.

Il suo focus accademico è relazioni internazionali, politica estera e interna della Russia e relazioni russo-americane.

Il Dr. Kortunov è autore anche di oltre 120 pubblicazioni sull’analisi delle relazioni sovietico/russo-americane, della sicurezza globale e della politica estera e interna dell’URSS e della Russia.

Le sue principali pubblicazioni recenti includono la Russia e le riforme delle Nazioni Unite e la disintegrazione dell’Unione Sovietica e le politiche statunitensi.

Chi è Andrey Kortunov, direttore del Russian International Affairs Council a Mosca

Kortunov ha da subito affermato :” …è improbabile che la minaccia delle sanzioni influenzi il Cremlino!”

Le idee di Kortunov.

L’attuale imprevedibilità non ci permette di trarre conclusioni definitive su ciò che la “nuova realtà europea” potrebbe diventare negli anni, figuriamoci per i decenni a venire. Ciò dipende dall’esito finale dell’operazione militare russa, dalla natura e dai risultati dell’imminente “transito politico” dell’Ucraina, dalla stabilità dell’unità anti-russa dell’Occidente, dalle dinamiche generali dell’equilibrio di potere, dalla gravità dei problemi comuni e da molti altri fattori. Tuttavia, alcune ipotesi preliminari possono già essere fatte.

1. La Russia ha inavvertitamente riconquistato il ruolo apparentemente radicato della Cina come principale cattivo internazionale e oppositore dell’Occidente.
Sicuramente, frenare le ambizioni di politica estera della Cina non è fuori dall’agenda di Washington e dei suoi partner europei, ma questo è ora messo da parte. Inoltre, Pechino ha adottato una posizione estremamente cauta, anche esplicita, sulla questione ucraina, sottolineando il suo rispetto per i principi di sovranità e integrità territoriale di tutti gli Stati, Ucraina compresa.

2. Mosca non ha praticamente più alleati o, almeno, osservatori simpatizzanti in Occidente. Dopo gli eventi del 2014, sono rimaste forze significative in Europa, che chiedevano di tenere conto degli interessi della Russia e di combinare la pressione sul Cremlino con la possibilità di alcune concessioni al Cremlino da parte dell’UE e della NATO.

Oggi, anche figure come la leader dell’Unione nazionale conservatrice di estrema destra francese Marine Le Penn o il presidente ceco Milos Zeman sono unanimi nella loro condanna delle azioni della Russia.

3. La Russia si trova di fronte a un’inevitabile e probabile lunga pausa nel dialogo politico ad alto livello. Nel prossimo futuro, è improbabile che il Cremlino veda una serie di presidenti, primi ministri, cancellieri e ministri degli esteri in attesa in fila per incontrare i leader russi.

4. Mosca dovrà sopportare una lunga e costosa corsa agli armamenti. Considerando gli eventi che si svolgono sul territorio dell’Ucraina, l’Occidente si porrà il compito di sfruttare al meglio i suoi evidenti vantaggi economici e tecnologici al fine di svalutare il potenziale militare della Russia, sia nucleare che convenzionale, nel tempo.

Russian International Affairs Council Mosca   Direttore Generale del Consiglio Russo per gli Affari Internazionali di Mosca Direttore Generale del Consiglio Russo per gli Affari Internazionali

5. La Russia è stata a lungo un obiettivo permanente e prioritario delle sanzioni economiche occidentali. Si prevede che la pressione sanzionatoria aumenterà, gradualmente ma costantemente. Ci vorrà molto tempo per sbarazzarsi della dipendenza esistente dalle forniture russe, principalmente gli idrocarburi, ma l’Occidente difficilmente si allontanerà da questa strada.

6. La Russia sarà costantemente allontanata dalle catene tecnologiche globali esistenti ed emergenti, quelle che definiscono la transizione dell’economia mondiale verso una nuova modalità tecnologica.

A tal fine, si cercherà di limitare la partecipazione degli scienziati russi a progetti di ricerca internazionali creando ostacoli per le attività delle joint venture nel campo dell’alta tecnologia, nonché per le esportazioni di alta tecnologia dalla Russia (e le importazioni in Russia).

7. Ci sarà una feroce lotta tra Mosca e l’Occidente per le menti e i cuori del resto del mondo, specialmente nei paesi del Sud del mondo. Affinché la Russia sia finalmente etichettata come un paese canaglia, l’Occidente deve trasformare la sua narrativa del conflitto russo-ucraino in una narrativa globale e universale.

Nell’ultimo quarto di secolo, i sistemi politici e socio-economici della Russia, nonostante tutte le loro numerose carenze, hanno dimostrato un alto grado di resilienza. Tuttavia, la Russia di Vladimir Putin deve ancora affrontare sfide di elevata portata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here