--Advertisements--

Come si crea una strategia per affrontare e risolvere i problemi nell’ambito del business? Qual è la più grande forza di crescita per un’azienda? Queste domande sono essenziali per capire come affrontare al meglio le avversità nella gestione di un’attività imprenditoriale.
Se il tuo interesse è guidare un’azienda o la realizzazione di un progetto, con un’intramontabile spinta al miglioramento, la risposta alle tue domande è data dal ciclo di Deming.
La sua filosofia progettuale consente di ricercare e ottenere la qualità finale che cerchi in ogni situazione che richieda un’analisi e una risoluzione.

Il ciclo di Deming, ideato negli anni ’50, è stato poi raffinato nella ruota di Deming ed è conosciuto anche con il nome di ciclo PDCA.
Nelle righe che seguono, spiegheremo nello specifico di cosa si tratta e in che modo può essere applicato alla propria attività professionale. Daremo una guida per la sua applicazione nel contesto aziendale, per costruire una mentalità vincente e produttiva. Che si tratti di migliorare le procedure di gestione delle risorse, intervenire nella risoluzione di problemi oppure gestire al meglio progetti o servizi, l’obiettivo del ciclo di Deming è tirare fuori il massimo del potenziale da ogni singolo processo.

Cos’è e a cosa serve il Ciclo di Deming?

Il suo primo utilizzo è avvenuto in Giappone, uno dei paesi più famosi per l’incessante ricerca della perfezione in ambito produttivo. Successivamente, il ciclo di Deming si è diffuso in tutto il mondo grazie alla sua influenza nella risoluzione delle criticità.

È a tutti gli effetti una filosofia progettuale tra le più efficaci in assoluto.

Ma la metodologia studiata da William Edwards Deming non riguarda solo imprese e attività manageriali, può essere adattata a qualsiasi genere di organizzazione per migliorarne le prestazioni attraverso precisi approcci di problem solving.

Nella sua essenza, il ciclo di Deming serve a sviluppare una cultura di ricerca della qualità, tesa al miglioramento continuo dei processi e all’utilizzo ottimale delle risorse.

Come funziona?

Il ciclo di Deming incarna perfettamente una metodologia interattiva a più fasi. Il suo nome fa intendere fin da subito qual è il modello che presuppone. Si tratta di un cerchio procedurale, un circuito interattivo continuo composto da quattro fasi ricorsive:

– Plan: Pianificazione

– Do: Esecuzione e realizzazione

– Check: Test e controllo

– Act: Azione consapevole

Come già accennato, è anche detto metodologia PDCA, acronimo delle quattro funzioni che lo compongono. La ripetizione di questi quattro passaggi garantisce un’ottimizzazione dei processi aziendali e della stessa organizzazione dell’intera attività.

Si tratta di un processo circolare basato sulla maggiore consapevolezza degli aspetti da migliorare nel mentre che si sta attuando il processo stesso di risoluzione. Ciò significa che la sua applicazione permette di risolvere svariate problematiche attraverso la messa in atto di continue azioni opportunamente ricalibrate dopo ogni fase o, meglio ancora, dopo ogni ciclo.

--Advertisements--
--Advertisements--

Vediamo cosa prevedono le quattro fasi e cosa permettono di ottenere in ambito aziendale.

Il ciclo di Deming nei processi aziendali

Sono proprio i processi interni all’azienda a produrre una certa qualità degli stessi, nonché a garantire il successo finale dell’attività. In pratica: è il processo a garantire la qualità. Ma come fare per innescare questo meccanismo?

Il ciclo di Deming parte dall’assunto che il raggiungimento della qualità massima derivi da una constante interazione tra ricerca, progettazione, test, produzione e risultato finale. Uno dei vantaggi che questo metodo offre, è la ricorsività delle quattro fasi.

Con rigore scientifico, partendo da un’ipotesi ben sviluppata, si procede a condurre dei tentativi, dei veri e propri esperimenti per verificare se si raggiunge il miglioramento desiderato. Dopo un’attenta analisi dei dati che ne sono conseguiti, i risultati vengono valutati. Per esprimere il massimo potenziale della qualità del risultato, le azioni vengono riviste, le fasi ripetute: in pratica si ricomincia. Il processo si ripete cambiando le ipotesi e le pianificazioni iniziali finché il risultato finale non rispecchia il massimo della soddisfazione.

Vediamo nel dettaglio le quattro fasi:

– Plan: Pianificare al meglio
L’innesco del ciclo di Deming avviene con una prima fase in cui devono essere definiti quelli che sono gli obiettivi da raggiungere. Questi devono essere esaminati con attenzione, devono essere chiari, misurabili e condivisi. Questo porta alla pianificazione del piano d’azione, grazie all’identificazione dei problemi da affrontare.

– Do: Realizzare il planning
La seconda fase riguarda la messa in pratica del lavoro ideato. Individuati gli intenti e gli obiettivi verso cui muoversi, si tratta ora di affrontare una prima attuazione del piano d’azione precedentemente sviluppato.

– Check: Testare e analizzare
La terza fase prevede un controllo e una revisione del progetto messo in atto nel lavoro. Questa è estremamente importante a livello formativo: è questo il momento in cui apprendere se il processo è stato sviluppato nel modo giusto. In tale fase di apprendimento rivedere ciò che è stato fatto è fondamentale per raggiungere lo step successivo.

– Act: Agire consapevolmente
La quarta fase prevede un’azione più consapevole, in cui si nota la discrepanza tra gli obiettivi definiti e i risultati raggiunti. È il momento in cui si può assistere alla riuscita dell’intero processo. Se i risultati finali rispecchiano gli obiettivi stabiliti nella prima fase di planning, allora questo passaggio prevede il superamento del problema con un arricchimento migliorativo. Se l’obiettivo non è stato ancora centrato, bisogna ripercorrere le fasi precedenti ridefinendo il problema e il piano da attuare, le azioni e i controlli necessari per concludere nuovamente il cerchio.

Messa in pratica del ciclo di Deming

Il processo completo del ciclo di Deming prevede un ripercorso dello stesso diverse volte, finché non si è raggiunto l’obbiettivo desiderato. Questo metodo ha lo scopo di costruire un’impostazione produttiva, semplice e coerente, di continua ricerca della qualità.

Attuare questa metodologia significa aprire il ciclo in una timeline orizzontale, in modo da applicarla alle tempistiche prefissate. Definendo sul calendario le varie fasi, è possibile creare una pianificazione funzionale dei termini da eseguire, gestendo sia il tempo sia i processi necessari fino al massimo della qualità raggiungibile.

Tra i vantaggi più grandi del ciclo di Deming, c’è la possibilità di personalizzare il lavoro. La versatilità del metodo permette un suo utilizzo non solo per la gestione e la risoluzione di problemi di business, ma anche per innumerevoli situazioni che prevedono l’identificazione di un percorso per raggiungere un risultato. Può essere applicato a processi di lavoro, al rapporto con i clienti, ai progetti personali, alle più generali decisioni da prendere nella vita, in pratica a tutto ciò che necessiti di un processo e di un esito di qualità.

--Advertisements--

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here