Il PNL elegge il suo presidente nel Congresso Straordinario. C'è un solo candidato 1

Domenica al Palazzo del Parlamento della Capitale si svolge il Congresso straordinario del Partito Nazionale Liberale. I politici eleggono il loro presidente dopo le dimissioni di Florin Cîțu dalla direzione del partito. L’unico candidato al seggio di Brătieni è il Primo Ministro della Romania, Nicolae Ciucă.

I liberali eleggono il loro nuovo presidente dopo le dimissioni di Cîțu

Il premier Ciuca potrebbe candidarsi alla leadership del PNL dopo che l’Ufficio esecutivo dei liberali ha derogato allo statuto di anzianità del partito. Pertanto, qualsiasi membro del partito può candidarsi alla presidenza se ha almeno cinque anni. Visto che Ciuca non aveva nemmeno due anni nel PNL, essendo iscritto al partito nell’ottobre 2020, il politico ha potuto candidarsi alla guida del PNL.

“Ho deciso di presentare la mia candidatura per la carica di presidente del PNL. Ho deciso di assumermi questa responsabilità dopo una discussione che ho avuto con i miei colleghi e dopo la mia analisi dell’intera situazione politica. (…) Il PNL è il più grande partito di destra, ha i migliori sindaci del Paese e può diventare il primo partito in Romania”, ha spiegato Nicolae Ciucă dopo la candidatura.

“Viviamo in una situazione geopolitica molto grave, e per noi l’obiettivo più importante è governare il Paese. Sono convinto che dopo questa attività gli eletti locali, i capi dei rami provinciali, torneranno a casa e si occuperanno di tutto questo vuol dire amministrazione dei comuni, delle città, e qui, con i ministri, ci occuperemo dell’amministrazione del Paese. I cittadini aspettano soluzioni, misure, senza litigi e queste discordie che compaiono nello spazio pubblico. È importante per avere la stabilità necessaria per poter governare il Paese”, ha affermato anche il premier rumeno.

Con quale moto corre Nicolae Ciuca

Il primo ministro rumeno è in corsa per la carica di presidente del PNL con la mozione intitolata “Uniti per una Romania stabile e forte”. In questo documento Nicolae Ciucă parla dello sviluppo e della modernizzazione della Romania, degli argomenti per un Paese forte, delle basi per ricostruire la fiducia dei romeni, del cittadino al centro delle preoccupazioni del PNL, ricollegarsi a professionalità, élite e meritocrazia e grande coalizione governo.

Ci sono anche liberali che non competono con un solo candidato

Tuttavia, non tutti i liberali applaudono alla competizione aperta con un solo candidato alla leadership del PNL.

“La credibilità del Partito Nazionale Liberale non può e non deve dipendere da una sola persona. Che sia Ciuca o qualcun altro. Se sei solista sei solo tu e lo strumento, se sei presidente del Consiglio o presidente di partito , hai bisogno di una squadra. Non ho niente a che fare con Nicolae Ciucă, come non ho avuto con Florin Cîţu, o con nessun altro membro del PNL e non voglio che questo messaggio sia percepito come una critica ad alcune persone, perché non lo è. È, se così posso dire, una delusione personale per una situazione più ampia in cui ci troviamo”, ha dichiarato venerdì online Mircea Hava.

Ciuca mira anche a rafforzare la capacità delle organizzazioni PNL di prepararsi per le elezioni del 2024.

x
Previous articleAssicurazione moto online: ecco come trovare le migliori del momento
Next articleElezioni presidenziali in Francia 2022. Chi sono i grandi favoriti. Affluenza alle urne, la più bassa da decenni