Nelle prime ore del 2 maggio 2011, i Navy Seals hanno scoperto e ucciso Osama Bin Laden, il leader di al-Qaeda responsabile degli attacchi dell’11 settembre e l’uomo più braccato al mondo. in un raid nella città pakistana di Abbottabad. Con una rigida scadenza di 30 minuti per l’operazione, i Navy Seals hanno richiesto più tempo a terra perché hanno trovato “mille tonnellate di computer e apparecchiature elettroniche al secondo piano”.

Documenti scritti dallo stesso Osama Bin Laden, declassificati e analizzati da un esperto di sicurezza

Hanno ricevuto rapidamente il permesso e nei successivi 18 minuti sono stati recuperati oltre 470.000 file, comprese “quasi 6.000 pagine in arabo delle comunicazioni interne del gruppo terroristico di al-Qaeda, che non sono mai state destinate al pubblico”. A causa dei “coraggiosi sforzi” delle forze speciali statunitensi durante quei pericolosi minuti extra, i documenti di Bin Laden non sono venuti alla luce.

Le opere, recentemente declassificate e ora analizzate in dettaglio per la prima volta da Nelly Lahoud, esperta di lingua araba in sicurezza e controterrorismo, offrono uno spaccato straordinario del funzionamento interno del gruppo di Al Qaeda, sia prima che dopo gli eventi dell’11 Settembre 2001. Inoltre, rivela i piani, le ambizioni e le frustrazioni attentamente monitorati dell’organizzazione terroristica.

Come è nata l’idea degli attentati dell’11 settembre 2001

La prima di molte rivelazioni è una nota scarabocchiata da Bin Laden su un pezzo di carta strappato da un taccuino, intitolata “La nascita dell’idea per l’11 settembre”. Nella nota, spiega di aver letto un rapporto sul pilota di al-Batouty che ha deliberatamente fatto schiantare EgyptAir 990 (da New York al Cairo) al largo delle coste del New England, uccidendo 217 persone il 31 ottobre 1999. quando Bin Laden ha chiesto, “Perché non è crollato in una torre finanziaria?”

Frustrato dal fatto che al-Batouty non abbia sfruttato al meglio la sua sete di vendetta, Bin Laden ha escogitato piani per volare verso i simboli del potere americano: il distretto finanziario di New York, il Pentagono e il Washington DC Capitol Building.

“È così che l’idea dell’11 settembre è stata concepita e sviluppata nella mia mente”, ha scritto Bin Laden, “ed è allora che ho iniziato a pianificare”.

Commissione dell’11 settembre ha definito Khaled Sheikh Muhammed “l’architetto” degli attentati. Tuttavia, non è menzionato negli appunti di Bin Laden, “sebbene possa essere stato uno strumento in altri modi”.

I documenti "preziosi", scritti dallo stesso Bin Laden, sono stati finalmente rivelati. Come il leader di al-Qaeda ha pianificato gli attacchi dell'11 settembre, in effetti 1

Dettagli importanti forniti dallo stesso leader di al-Qaeda

La maggior parte degli esperti ha ipotizzato che il leader talebano Mullah Omar non sapesse in anticipo dell’11 settembre. Impariamo, tuttavia, dagli appunti manoscritti di Bin Laden che “consultare altri gruppi [jihadiste], compresi i talebani, ha preceduto gli attacchi internazionali orchestrati da al-Qaeda in Afghanistan. Gli attentati del 1998 in Africa orientale, ad esempio, sono stati “appoggiati da tutti”.

Inoltre, Lahoud sospetta che l’assassinio di Ahmed Shah Massoud da parte di Al-Qaeda, un nemico talebano, alla vigilia dell’11 settembre, non è stata una coincidenza, ma una contromisura perché il mullah Omar ha approvato l’attacco all’America. L’errore di calcolo di al-Qaeda e dei suoi alleati non è stato quello di prevedere che l’America avrebbe risposto lanciando una guerra su larga scala in Afghanistan.

Dove si nascondeva l’uomo più braccato del mondo

Non è chiaro dove sia andato Bin Laden dopo essere fuggito dalle grotte di Torah Bora in Afghanistan alla fine del 2001. L’esperto sospetta il Nord Waziristan, nelle aree tribali del Pakistan, e poi Abbottabad. Non c’è dubbio che Al Qaeda sia inefficace dopo l’11 settembre. Con la maggior parte dei suoi leader nascosti o imprigionati in Iran, il gruppo terroristico non è riuscito a lanciare un’unica operazione internazionale e si è limitato ad applaudire altri atti jihadisti imitativi, come 7/7 a Londra nel 2005.

I media rivelano anche che dal 2004 Bin Laden ha lavorato instancabilmente per ricostruire la sua organizzazione distrutta e, al momento della sua morte, stava progettando qualcosa di “spettacolare”: un attacco coordinato alle petroliere negli Stati Uniti. Sperava di soffocare un terzo della fornitura di petrolio americana, provocando una crisi economica e proteste pubbliche che avrebbero portato a un cambiamento nella politica estera degli Stati Uniti.

Quello che i sigilli hanno scoperto nel nascondiglio di Abbottabad

Quando Seals ha attaccato il complesso di Abbottabad – costruito nel 2005 – hanno scoperto due delle mogli di Bin Laden e diversi figli e nipoti. Il rischio di essere intercettati da drone o satellite era così grande che i bambini non potevano nemmeno giocare in cortile, nessuno aveva accesso a internet o al telefono.

Per loro era un’esistenza cupa e autosufficiente. Avevano capre, galline e una mucca e facevano affidamento con parsimonia sulle due “guardie di sicurezza” – sostenitori pakistani locali. “Facciamo il nostro pane”, scrisse Bin Laden, “e compriamo grano sfuso. La nostra normale spesa consiste in frutta e verdura”. Le medicine di base venivano tenute a casa e i medici venivano consultati solo in caso di emergenza. Le figlie di Bin Laden, Sumaya e Mariam, hanno svolto un ruolo chiave nell’aiutare suo padre con le sue dichiarazioni pubbliche.

L’Occidente ha pagato un prezzo troppo alto

C’è un’ultima rivelazione. Dopo la morte di Bin Laden, la CIA ha affermato di essere stata in grado di identificarlo intercettando le chiamate di uno dei suoi agenti di sicurezza pakistani, Abu Ahmed al-Kuwaiti. Questa, dice Lahoud, era una deliberata disinformazione per proteggere il probabile informatore, Abu al-Harish al-Sindi, che era uno dei tre fidati intermediari tra Bin Laden e i suoi seguaci nel Waziristan settentrionale.

Sopravvalutando le capacità di al-Qaeda e sottovalutando quelle di altri gruppi jihadisti (Stato islamico, per esempio), l’Occidente ha pagato un prezzo pesante, conclude Nelly Lahoud. Yahoo.

x
Previous articleL’esercito di Kadyrov ha commesso un grave crimine. Dopo aver rapito un senzatetto, si è “truccato” e “travestito” per sembrare un “prigioniero di guerra ucraino”
Next articleIl momento più umiliante per il portavoce di Putin. Gli sono state mostrate prove video di militari russi che uccidevano civili durante l’intervista