"Vediamo il loro effetto sul campo di battaglia" 1

La NATO è disposta a fornire all’Ucraina armi da guerra per la Russia per diversi anni, ha detto il segretario generale dell’Alleanza del Nord Atlantico Jens Stoltenberg alla stazione radiofonica della BBC Reuters. Ha rifiutato di commentare i sistemi d’arma di ciascuno Stato membro, ma ha affermato che i risultati delle armi consegnate all’Ucraina finora sono stati chiari.

Armi per l’Ucraina da diversi anni dalla NATO

“Vediamo l’effetto di questi sistemi, armi, sul campo di battaglia, ogni giorno. Vediamo tutti i veicoli corazzati russi distrutti, vediamo che l’Ucraina ha la capacità di abbattere missili e aerei russi. Gli alleati sono pronti a offrire ancora di più armi moderne e più pesanti”, disse Stoltenberg.

L’Ucraina sta spingendo la NATO per più armi, tra le aspettative che la Russia riposizionare le sue forze prima di lanciare una grande offensiva nel sud-est dell’Ucraina.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba ha incontrato il 7 aprile a Bruxelles i ministri degli Esteri della NATO, nonché i sette ministri, che hanno promesso “misure restrittive aggiuntive” sulla Russia e “Prepararsi a continuare ad assistere, anche con attrezzature militari e finanziarie. significa consentire all’Ucraina di difendersi dall’aggressione russa e ricostruire l’Ucraina”.

Il G7, che comprende Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, ha condannato “con la massima fermezza” quelle che chiama le “atrocità” della Russia a Bucha e in altre parti dell’Ucraina.

“Immagini inquietanti di morti civili, vittime di torture ed apparenti esecuzioni, così come segnalazioni di violenze sessuali e distruzione di infrastrutture civili, mostrano il vero volto della brutale guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e il suo popolo.

I massacri di Bucha e altre città ucraine saranno nell’elenco delle atrocità e delle gravi violazioni del diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, commesse dall’aggressore sul suolo ucraino”, hanno affermato i ministri degli Esteri del G7 in una dichiarazione congiunta del 7 aprile.

Kuleba vuole più sistemi di difesa aerea dagli alleati della NATO

Kuleba ha affermato che lui e i ministri del G7 hanno discusso su come portare l’assistenza militare, economica e umanitaria all’Ucraina a un livello superiore.

“L’Ucraina propone un accordo equo: il mondo ci sta dando tutto il supporto di cui abbiamo bisogno, noi combattiamo e lo sconfiggiamo Il presidente russo Vladimir Putin in Ucraina”, ha detto su Twitter dopo l’incontro a Bruxelles.

Kuleba ha chiesto l’invio di diversi aerei, sistemi di difesa aerea, missili e veicoli militari dagli alleati della NATO.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato a Bruxelles che Washington non permetterà a nulla di ostacolare l’invio all’Ucraina di più armi di cui ha bisogno nella sua lotta contro la Russia. Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha affermato che la NATO sta discutendo su come aumentare gli aiuti all’Ucraina con “varie armi militari”.

“Stiamo osservando da vicino con i nostri partner come possiamo sostenere l’Ucraina in futuro, in modo più intenso e coordinato, perché hanno il diritto all’autodifesa e sosterremo questo diritto all’autodifesa insieme a diversi partner”. ha detto alla riunione della NATO.

x
Previous articleChe cos’è il taglio dei capelli? Gli stilisti condividono ciò che devi sapere Bene + Va bene
Next articleGuida gratuita | Recupera più forte: 6 passaggi per costruire la tua nuova normalità