Tre case e due auto sono bruciate in un violento incendio ad Alba. Un uomo è stato trovato con ustioni sul viso e sulle mani 1

Sabato mattina nella contea di Alba è scoppiato un grande incendio. Tre case nel comune di Bistra (Apuseni) sono state gravemente colpite dalle fiamme, che hanno causato danni anche a due auto. I vigili del fuoco militari con sei camion acqua e schiuma sono intervenuti per localizzare e spegnere l’incendio. L’allarme è stato dato intorno alle 6.40, in località Bistra, provincia di Alba.

Incendio nella contea di Alba. Danneggiate tre case e due auto

Tre case a Bistra, comune di Apuseni, sono state parzialmente bruciate, sabato mattina, in un incendio, che ha causato danni a due auto, per la localizzazione e lo spegnimento delle fiamme intervenute, con sei camion con acqua e schiuma, entrambi vigili del fuoco militari, come oltre che volontari.

Un uomo ha ricevuto cure mediche

È stato inoltre necessario prestare il primo soccorso da parte dell’equipaggio SMURD a un locale che ha riportato ustioni superficiali agli arti superiori e al viso.

Fiamme violente e fumo pesante

Secondo l’Ispettorato per le situazioni di emergenza di Alba, quando le forze di intervento sono giunte sul luogo dell’incendio, l’incendio si è manifestato con violente fiamme e grande fumo. Così, i vigili del fuoco militari di Câmpeni, che hanno agito con quattro camion con acqua e schiuma, hanno ricevuto l’aiuto dei Servizi Volontari per le situazioni di emergenza Baia de Arieş e Abrud, con altri due camion.

Sono stati segnalati danni

Le enormi fiamme hanno colpito tre case, una cucina estiva, una dependance e due automobili. I rappresentanti dell’Isu Alba hanno detto che stanno lavorando per determinare la causa dell’incendio. La caserma dei vigili del fuoco di Câmpeni è intervenuta con quattro camion e una squadra di pronto soccorso per localizzare e spegnere l’incendio scoppiato a Bistra, in via Turzii.

x
Previous article4 cose che secondo i medici causano la pelle grassa
Next articleVladimir Putin si assicura che la popolazione russa rimanga senza fonti di informazione alternative