Il primo ministro britannico Boris Johnson è in Ucraina sabato 9 aprile, dove ha incontrato il presidente Volodymyr Zelensky. I due leader europei stanno discutendo personalmente della guerra russa nella capitale, Kiev, dove l’amministratore delegato britannico è venuto in visita senza preavviso. Molto probabilmente, il politico è arrivato in treno in Ucraina.

Boris Johnson si trova in Ucraina

Un’immagine pubblicata su Twitter dall’ambasciata ucraina in Gran Bretagna mostra Boris Johnson e Volodymyr Zelenski seduti a un tavolo, con le bandiere di Gran Bretagna e Ucraina sullo sfondo. L’istituzione diplomatica ha postato la foto su Twitter insieme a una sola parola: “Sorpresa”, lasciando intendere che la stampa non era a conoscenza di questo incontro. La foto è diventata subito virale.

“In questo momento, la visita di Boris Johnson a Kiev ha iniziato a incontrare di persona il presidente Zelensky”, ha annunciato su Facebook il vice capo di stato maggiore della presidenza ucraina Andrii Sibiga.

“Il Regno Unito è il leader del supporto militare all’Ucraina, il leader della coalizione contro la guerra, il leader delle sanzioni contro l’aggressore russo”, ha aggiunto il funzionario ucraino, postando una foto che mostra i due leader che parlano.

Il primo leader del G7 a visitare Kiev

Boris Johnson è il primo leader del G7 (il più grande stato industrializzato del mondo) a visitare l’Ucraina dopo l’inizio dell’invasione russa del Paese a fine febbraio.

Secondo un portavoce di Downing Street, il primo ministro britannico ha incontrato il leader di Kiev in una dimostrazione di “solidarietà con il popolo ucraino.

“Discuteranno del sostegno a lungo termine del Regno Unito all’Ucraina e il Primo Ministro presenterà un nuovo pacchetto di aiuti militari e finanziari”, ha affermato l’esecutivo londinese.

La Gran Bretagna sta aiutando l’esercito ucraino

La visita di Johnson arriva dopo che il primo ministro britannico ha annunciato ulteriori 100 milioni di sterline in aiuti militari alle forze ucraine, comprese armi anticarro e antiaeree, oltre ai cosiddetti “droni suicidi”.

La situazione nella capitale ucraina si è stabilizzata dopo che le forze russe si sono ritirate dalla regione di Kiev. Abbandonarono le città di Bucha e Hostomel, situate a nord-ovest di Kiev, e si ritirarono in Bielorussia. Da fine marzo sono cessati gli attacchi alla metropoli. Le squadre di emergenza mi hanno sgomberato autostrade e marciapiedi e hanno rimorchiato veicoli corazzati russi distrutti.

Quello che il primo ministro britannico può vedere alla periferia della capitale

Poiché era impossibile viaggiare in aereo, Johnson andò a Kiev in treno, molto probabilmente dalla Polonia orientale. Il percorso di confine di 600 chilometri passa attraverso la città occidentale di Leopoli. Alla periferia della capitale, Johnson può vedere i carri armati russi fatti esplodere sul ciglio della strada, oltre a ironici cartelli di benvenuto dipinti da ucraini che dicono: “Russia, vai all’inferno”.

Boris Johnson era a Kiev prima dell’invasione e ha tenuto colloqui con Zelensky al Palazzo Mariinsky, la residenza ufficiale del presidente dell’Ucraina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here