Decine di paracadutisti russi che si sono rifiutati di combattere in Ucraina sono stati puniti 1

Secondo il quotidiano Pskovskaya Gubernia, circa 60 paracadutisti provenienti dalla regione russa di Peskov hanno rifiutato di essere schierati in Ucraina. I paracadutisti nell’area sono stati inviati in Bielorussia pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ha scritto la pubblicazione mercoledì. Hanno riferito che un gran numero di soldati era stato restituito a Peskov e licenziato dopo essersi rifiutato di combattere, e alcuni erano stati persino minacciati di essere processati per diserzione.

Punizione ricevuta dai paracadutisti russi che non sono andati in Ucraina

L’attivista locale Nikolay Kuzmin ha detto di aver parlato con un autista che ha aiutato a trasportare le truppe a Peskov e ha confermato la storia.

Pskovskaya Gubernia in seguito scrisse che fonti militari se lo aspettavano il numero di soldati che si rifiutano di combattere in Ucraina a crescere in modo significativo.

“Le nostre fonti affermano che i comandanti ora non accetteranno alcuna denuncia di dimissioni. Molti soldati li inviano invece alla procura militare”, si legge nel quotidiano.

Pskovskaya Gubernia è stato il primo media a riferire sul coinvolgimento e la morte dei soldati russi nell’Ucraina orientale nel 2014. La polizia antisommossa ha perquisito gli uffici del giornale il 5 marzo 2022, prima di perquisire la casa del caporedattore Denis Kamalyagin due settimane dopo.

È l’ultimo caso in cui le truppe russe si sono rifiutate di obbedire agli ordini di Vladimir Putin di invadere l’Ucraina e “de-nazista” il Paese.

Un soldato russo prigioniero di Peskov, Vladimir Safronov, 23 anni, ha raccontato ai suoi interrogatori ucraini di problemi di razionamento e di come i suoi ufficiali hanno derubato la popolazione civile.

“Le cose vanno male con il cibo, lo salviamo costantemente. Molto spesso abbiamo una situazione in cui una razione per una persona è divisa tra due persone. Mangiamo principalmente quello che troviamo nelle case dei civili nell’Ucraina occupata. Ci sono molte rapine, l’ho visto di persona”, ha detto, di conseguenza Mail giornaliera.

“Non lo sostengo, sono stati principalmente gli alti sergenti e il comandante a farlo. Ho visto civili nascosti, persone incapaci di evacuare, che vivevano nella paura costante. Ero terribilmente dispiaciuto per loro, è stato spaventoso trovarli ” Egli ha detto.

Rapporti precedenti dicevano che le truppe d’élite delle forze speciali OMON di Khakassia si erano rifiutate di combattere. In un altro caso, le truppe dello stato non ufficiale dell’Ossezia del Sud sono tornate alle loro case a piedi dopo aver rifiutato di prendere parte alle ostilità in Ucraina.

x
Previous articleFrasi e Immagini Buongiorno e Buon Sabato: le più belle dell’ 9 Aprile 2022
Next articleBere acqua a stomaco vuoto fa bene alla salute NON-STOP