Quello che gli ucraini hanno trovato nelle tasche dei soldati russi catturati. La prova ... 1

La guerra in Ucraina nasconde molte facce. Al di là dei bombardamenti distruttivi, che hanno spazzato via intere città, oltre ai duri scambi di commenti ad alto livello tra i due campi che stanno ancora negoziando per la pace, c’è la realtà sul campo. The War Theatre presenta storie scioccanti ed esperienze traumatiche per i civili bloccati in Ucraina. Le forze armate ucraine resistono agli attacchi russi e talvolta riescono a catturare i nemici. Di recente, un video rivela cosa c’è nelle tasche dei soldati russi, più volte accusati di aver violentato donne in Ucraina.

Cosa c’è effettivamente nelle tasche dei soldati russi catturati dall’esercito ucraino

Gli invasori sul territorio dell’Ucraina li hanno devastati. Per quasi due mesi dall’inizio del conflitto, i russi hanno sparso una nuvola nera su molte regioni in rovina dell’Ucraina. E ai civili non sono state risparmiate esperienze traumatiche, in particolare le donne intrappolate dai soldati russi. I bruti nell’esercito di Putin erano spietati, premeditando le loro azioni. E questo è dimostrato dalle cose trovate di recente nelle tasche dei soldati russi catturati.

Un post su Twitter di TPYXA mostra uno dei soldati russi catturati dall’esercito ucraino che tira fuori diversi preservativi dalle tasche, tra le altre cose. L’uomo, catturato dalle forze ucraine due settimane fa, è solo uno dei soldati sorpresi a trasportare tali oggetti, il che conferma ancora una volta le atrocità subite dalle donne ucraine, che hanno accusato di stupro gli invasori.

La storia scioccante di una donna violentata in Russia davanti a suo figlio

Le atrocità dei russi sono sconfinate. Tra attentati e rapine, i soldati dell’esercito di Putin violentano le donne che incontrano lungo il loro cammino. L’Ucraina ha denunciato diversi stupri di donne, giovani o anziane, dall’inizio dell’invasione. Una prima indagine penale è stata persino aperta dopo che una donna ha raccontato di essere stata violentata dai militari russi, dopo aver ucciso suo marito. La donna ha raccontato al Times l’intera esperienza.

“Ho sentito un solo colpo di pistola, la porta che si apriva e dei passi in casa”, ha detto ai giornalisti la donna, che nascondeva la sua identità sotto lo pseudonimo di “Natalia”. I tempi.

“Ho ucciso tuo marito perché era nazista”

Ha testimoniato che il 9 marzo due soldati russi, che hanno ucciso il cane della famiglia prima di tornare al villaggio, hanno ucciso suo marito e poi l’hanno violentata davanti agli occhi attoniti del figlio di quattro anni, che si nascondeva. -una stanza attigua.

“Ho gridato: ‘Dov’è mio marito?’ Il soldato più giovane mi ha puntato la pistola alla testa e ha detto: “Ho ucciso tuo marito perché era nazista”.

Il soldato ha chiesto alla donna di spogliarsi, non curandosi che il minore fosse nelle vicinanze.

“Allora semplicemente ci è venuto in mente. A loro non importava che mio figlio stesse piangendo. Mi hanno detto di farlo tacere e tornare indietro. Mi hanno sempre puntato la pistola alla testa e mi hanno preso in giro, chiedendomi: ‘Dobbiamo ucciderla o tenerla in vita’? ” Disse la donna.

Natalia, intanto, è riuscita a fuggire dal villaggio, ma non ha avuto la forza di dire al figlio che suo padre era morto. Inoltre, non può tornare per seppellire il marito, poiché l’area è ancora occupata dai russi.

“Non so come potrò vivere con questi ricordi, ma capisco ancora che mio marito ha costruito questa casa per noi. Non potrei mai venderla”, ha detto Natalia.

Russi accusati di aver violentato donne in Ucraina

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kulebaha accusato l’esercito russo di stupro nelle località invase dal 4 marzo.

“Quando le bombe cadono sulle nostre città, quando i soldati violentano le donne nelle città occupate – e sfortunatamente abbiamo molti casi di soldati russi che violentano donne nelle città ucraine – ovviamente è difficile parlare dell’efficacia del diritto internazionale”, ha affermato Kuleba. in un discorso online a un evento a Londra.

Dall’inizio della guerra, sempre più rapporti indicano che stupri e violenze da parte dei soldati russi sono all’ordine del giorno contro donne e civili in Ucraina, e nemmeno gli anziani sono esenti da tali esperienze traumatiche e orribili.

x
Previous articleUna partita della Bundesliga, interrotta al 13′ dalla televisione russa. Cosa si è visto in TV durante la partita
Next articlecarcere direttamente, invece di cura, per i tossicodipendenti