--Advertisements--

Mentre Vladimir Putin ha chiesto che i pagamenti per le spedizioni di gas dalla Russia siano effettuati in rubli a partire da aprile, diversi paesi europei hanno vietato l’importazione di gas russo. I rappresentanti di questi paesi hanno inviato un messaggio di incoraggiamento ad altri stati europei, al fine di eliminare gradualmente la dipendenza del continente dalle risorse russe, in un atto di condanna dell’invasione dell’Ucraina.

Paesi che hanno vietato l’importazione di gas russo

Sempre più paesi europei stanno rinunciando alle risorse di gas in Russia. I paesi che hanno recentemente vietato le importazioni di gas dalla Russia credono che altri paesi dovrebbero seguire l’esempio, nel tentativo di ridurre l’influenza di Putin in Europa attraverso la dipendenza dalle risorse. Gli stati baltici hanno concordato di sospendere le importazioni di gas naturale dalla Russia, che hanno cessato di essere fornite a Lettonia, Estonia e Lituania il 1° aprile, secondo il capo della società di stoccaggio lettone Conexus Baltic Grid.

“Anni fa, il mio paese ha preso decisioni che ci consentono di rompere facilmente i legami energetici con l’aggressore. Se possiamo farlo, lo può fare anche il resto d’Europa! “Uldis Bariss, CEO di Conexus Baltic Grid, ha spiegato in un discorso sul lettone Radio.

Il presidente lituano Gitanas Nauseda ha anche esortato il resto dell’Unione europea a seguire l’esempio dei paesi baltici: “A partire da questo mese, non c’è gas russo in Lituania”, ha affermato in un post su Twitter. E gli Stati Uniti ha vietato l’importazione di petrolio e gas naturale russi dopo lo scoppio della guerra in Ucrainama non l’UE, che un anno fa forniva il 40% dello stato di Putin.

La Russia sta costringendo i paesi “ostili” a pagare il gas in rubli

Giovedì, il leader di Mosca ha affermato che è obbligatorio per gli stati che beneficiano delle importazioni di gas russe pagare le spedizioni in rubli, da conti aperti presso banche russe. Vladimir Putin ha annunciato la firma di un decreto con il quale i paesi “ostili” dovranno ricorrere a questo metodo per l’acquisizione delle risorse russe.

“Oggi ho firmato un decreto che stabilisce le regole per il commercio del gas naturale russo con i cosiddetti stati ostili. Offriamo agli appaltatori di questi paesi ‘ostili’ uno schema chiaro e trasparente: per acquistare gas naturale russo, devono aprire conti in rubli nelle banche russe. Da questi conti verranno effettuati i pagamenti per il gas fornito, a partire da domani, 1 aprile “, ha affermato Putin.

--Advertisements--

Per il momento, sempre più paesi hanno annunciato che interromperanno le importazioni di gas e petrolio dalla Russia nel conflitto in Ucraina, con i membri dell’UE che cercano di trovare altri modi per eliminare la dipendenza dallo stato guidato da Putin. Di tutti loro, la Germania è quella che fa molto affidamento sulle risorse della Russia. Inoltre, dopo l’annuncio da parte del leader del Cremlino del pagamento in rubli, Berlino ha annunciato che avrebbe rifiutato tale transazione.

--Advertisements--

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here