Un disegno di legge, che potrebbe entrare in vigore in Romania, cambia la legge che coinvolge chi fa uso di droghe. Non saranno più curati, ma andranno direttamente in prigione. Una sigaretta alla cannabis potrebbe portare a cinque anni di prigione. Le sanzioni diventano così molto più severe di prima, con il raddoppio delle sanzioni.

Chi fa uso di droghe è punito direttamente con la reclusione, anziché con le cure

I rumeni catturati per droga verranno mandati direttamente in prigione, invece di essere curati per la loro dipendenza. È il piano sostenuto da un progetto legislativo in corso, che potrebbe cambiare la legge in Romania. Chi fa uso di droghe potrebbe essere punito direttamente con la reclusioneuna singola sigaretta di cannabis che comporta una pena detentiva di 5 anni.

Il progetto nasce nel nostro Paese in un contesto in cui, a livello internazionale, si riducono le sanzioni per i consumatori e in alcuni Paesi viene depenalizzato l’uso della cannabis. Questa iniziativa dei deputati del PNL Laurențiu Leoreanu e Ioan Cupșa è sostenuta da diversi deputati liberali e comporta emendamenti alla legge 143/2000 sulla prevenzione e la lotta al traffico e al consumo illeciti di droga.

I trafficanti di droga condannati fino a 15 anni di reclusione

Una prima punizione si nota tra i narcotrafficanti, che rischiano la reclusione tra i 3 ei 15 anni, a seconda del tipo di stupefacenti che vendono. Se parliamo di droghe ad alto rischio, tra cui cocaina ed eroina, i trafficanti possono essere condannati da 7 a 15 anni di reclusione. Attualmente, la legge prevede una sanzione da 2 a 7 anni per le droghe leggere e da 5 a 12 anni per le droghe ad alto rischio.

“Coltivazione, produzione, fabbricazione, sperimentazione, estrazione, preparazione, lavorazione, fornitura, vendita, vendita, distribuzione, consegna con qualsiasi mezzo, spedizione, trasporto, approvvigionamento, acquisto, detenzione o altre operazioni relative alla circolazione di droghe pericolose, senza diritto .sono puniti con la reclusione da 3 a 10 anni e il divieto di determinati diritti”, prevede il disegno di legge.

Tossicodipendenti, condanne raddoppiate

Anche i consumatori non sono esenti da dure sanzioni. Mentre a livello internazionale le sanzioni sono più allentate di prima, in Romania si propone di inasprirle.

“1. La coltivazione, la produzione, la fabbricazione, la sperimentazione, l’estrazione, la preparazione, la trasformazione, l’acquisto, l’acquisto o la detenzione, senza diritto, di sostanze pericolose per l’autoconsumo sono punite con la reclusione da 1 a 5 anni.
(2) Se i fatti previsti al par. (1) riguardano le droghe ad alto rischio, la pena è della reclusione da 2 a 7 anni”, è la proposta dell’articolo 4 della legge 143.

Tossicodipendenti, puniti invece che riabilitati

I parlamentari liberali che hanno avviato questo progetto partono dal presupposto dei traumi passati dei consumatori, dal “bisogno di chi finisce per consumare di reprimere certi dolori del passato, che il più delle volte hanno a che fare con abusi che suscitano sentimenti di senso di colpa, vergogna, impotenza, fallimento, sentimenti che non può affrontare in modo naturale, motivo per cui usa un surrogato, ovvero le droghe, per “fuggire dalla realtà” e reprimere il suo dolore. “

L’iniziativa legislativa, invece di fornire supporto per la riabilitazione e la cura dei tossicodipendenti e dei tossicodipendenti, punisce severamente tali comportamenti. I tossicodipendenti vanno dritti in galerainvece di ricevere supporto psicologico e medico.

La normativa vigente prevede la sospensione di alcune condanne affinché i tossicodipendenti possano ricevere un’assistenza specializzata. Nel nuovo progetto, un tossicodipendente ad alto rischio va in prigione per 7 anni senza essere curato. Inoltre, la curiosità di un giovane per una sigaretta di cannabis potrebbe destabilizzare completamente la sua vita, arrivando dietro le sbarre per 5 anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here