La Turchia offre supporto per l'evacuazione dei civili da Mariupol via mare. L'annuncio del ministro della Difesa di Ankara 1

Le autorità turche affermano di sostenere l’evacuazione dei civili da Mariupol in barca. L’annuncio è stato dato sabato dal ministro della Difesa, che ha affermato che sosterrà gli sforzi per aiutare i civili feriti, sia turchi che di altre nazionalità, a lasciare il teatro di guerra nella città portuale del Mar d’Azov.

La Turchia ha affermato di sostenere l’evacuazione dei civili da Mariupol

La città portuale, situata sulla costa meridionale dell’Ucraina, con accesso al Mar d’Azov, ha subito notevoli danni dall’inizio della guerra. Gli attacchi russi hanno quasi completamente distrutto Mariupol, poiché i civili intrappolati tra le rovine cercano di lasciare la città bombardata. Sono state pianificate numerose operazioni di evacuazione e la Turchia, che ha anche ospitato colloqui di pace tra Russia e Ucraina, ha affermato di sostenere l’evacuazione dei civili da Mariupol.

Secondo l’annuncio fatto sabato dal ministro della Difesa turco, lo stato ha deciso di fornire supporto per l’evacuazione dei civili, dopo essere stato tenuto prigioniero nella città assediata. I civili di Mariupol saranno trasportati via mare, in barca, secondo il funzionario turco. La richiesta di supporto per le evacuazioni è stata inviata all’addetto militare russo ad Ankara e all’addetto militare turco a Mosca, che hanno inoltrato il messaggio alle autorità russe. Anche l’addetto militare ucraino ad Ankara ha inviato un messaggio alle autorità ucraine.

“Possiamo fornire supporto alle navi per l’evacuazione da Mariupol, in particolare a civili, feriti e cittadini turchi e cittadini di altre nazioni”, ha affermato il ministro Hulusi Akar. CNN.

Turchia, garante della sicurezza dell’Ucraina

Mentre, la scorsa settimana, La Turchia ha ospitato colloqui di pace tra i campi russo e ucraino, lo Stato guidato da Recep Erdogan si è dichiarato pronto ad agire, in linea di principio, come garante della sicurezza dell’Ucraina. Tuttavia, il presidente turco afferma che i dettagli devono essere elaborati. Il leader di Ankara ha espresso il suo apprezzamento per la decisione di Mosca di ridurre le operazioni vicino a Kiev e Chernivtsi.

“Sulla questione della sicurezza, possiamo essere uno dei paesi garanti che garantiscono la sicurezza dell’Ucraina, siamo preparati per questo in linea di principio, ma ovviamente i dettagli devono essere stabiliti”, ha affermato, dopo che l’Ucraina ha chiesto garanzie di sicurezza. da diversi stati.

Poiché la Turchia, uno stato membro della NATO, ha un confine marittimo sia con l’Ucraina che con la Russia nel Mar Nero, con buone relazioni con entrambi i paesi, il regime di Ankara si è offerto di agire come mediatore nel conflitto. Tuttavia, la Turchia non ha scelto di schierarsi esclusivamente con uno dei due stati coinvolti. Ankara ha sostenuto l’Ucraina, ma ha espresso opposizione alle sanzioni di Mosca.

Pochi giorni fa, Erdogan ha sottolineato che i colloqui di Istanbul, durante i negoziati di pace, durante i quali l’Ucraina ha presentato una proposta scritta alla Russia per porre fine alla guerra, hanno dato una “spinta significativa” al processo. Allo stesso tempo, il presidente turco ha annunciato che avrebbe lanciato una nuova offerta per ospitare i colloqui tra il leader ucraino Volodymyr Zelensky e il capo di stato russo Vladimir Putin.

x
Previous articleCosa ci fanno i soldati russi con le cose rubate dalle case degli ucraini? Sta accadendo in una città nel vicino stato della Bielorussia
Next articlecrisi alimentare. Cosa accadrà dopo?