Florin Cîțu ha annunciato le sue dimissioni dal PNL. Che dire della carica di presidente del Senato 1

Il presidente del Partito nazionale liberale, Florin Cîțu, ha annunciato sabato le sue dimissioni alla guida dei liberali, dopo che negli ultimi giorni sono sorte sempre più tensioni tra il partito politico. Il leader del PNL è rimasto deluso dalla richiesta dei rappresentanti liberali nel Paese di cambiare la direzione del partito.

Florin Cîțu ha annunciato le sue dimissioni dal PNL

L’uomo che un anno fa è stato nominato presidente del Pnl in un congresso che ha riunito i membri del partito a Romexpo, sembra oggi abbandonato dai suoi sostenitori. Poiché i leader liberali del paese hanno chiesto una riunione del Consiglio nazionale per cambiare la leadership del partito, Florin Cîțu ha convocato sabato una riunione dell’Ufficio di presidenzain cui ha annunciato le sue dimissioni dal PNL.

“Il ruolo di questo incontro è stato quello di parlare con i colleghi con cui sono partito un anno fa. È stato un incontro per ringraziarli dei momenti belli e brutti che abbiamo vissuto insieme. Sì, è vero, non mi sono mai sentito a mio agio con questo compromesso che ho fatto con la PSD. Ho sempre creduto che le misure proposte e approvate avranno un effetto boomerang. Purtroppo avevo ragione, l’inflazione sta aumentando, i tassi di interesse stanno aumentando. Mi sarebbe piaciuto fare un confronto su tutto questo”, Florin Cîțu ha dichiarato al termine dell’incontro, durante il comunicato stampa.

Le ragioni che hanno portato alla decisione di dimettersi dalla carica di leader del partito

Florin Cîțu ha convocato oggi una riunione dell’Ufficio esecutivo del PNL, ma ciò non ha potuto aver luogo a causa della mancanza del quorum, poiché erano presenti solo pochi liberali. Diversi leader del partito, che hanno chiesto le dimissioni di Cîțu, hanno boicottato l’incontro. Successivamente, il leader del PNL ha annunciato le sue dimissioni dalla direzione del partito, argomentando la sua decisione. Il politico ha menzionato le tensioni con il PSD durante tutti questi sei mesi del suo mandato.

“Mi è chiaro che questa coalizione con il PSD è stata difficile da digerire, non è stata una cosa naturale. Tutto quello che ho fatto in questa posizione, da quando ho assunto la carica di Ministro delle Finanze, Primo Ministro e questa carica di Presidente del PNL, Ho preso decisioni per il bene della Romania, ho detto che ci sono delle misure, e se sono stato ascoltato oggi non ho avuto questi problemi, ma ci sono misure che avranno un effetto boomerang, sappiamo benissimo che questo è ciò che Ho corretto, quando ho assunto il governo rumeno nel 2019, i problemi accumulati tra il 2017 e il 2019. Purtroppo vedo di nuovo lo stesso ritmo”, ha detto Florin Cîțu davanti alla sede del PNL.

Che dire della carica di presidente del Senato

Florin Cîțu ha espresso la sua insoddisfazione per la bassa affluenza alle urne all’incontro di oggi, esprimendo il suo disappunto per la situazione in Romania, vicina alla guerra in Ucraina e gravemente colpita dal punto di vista economico.

“Siamo un partito di governo. C’è una guerra vicino alla Romania. La situazione economica si sta deteriorando. Quello che stiamo facendo in questo momento, anche se diciamo che lo stiamo facendo per la stabilità, non sta mostrando stabilità. Avrei voluto dimettermi davanti ai miei colleghi, non potevano, non c’erano, quindi l’ho appena registrato al partito”, ha dichiarato.

Florin Cîțu, invece, afferma che non si dimetterà dalla carica di Presidente del Senato.

“Allora è semplicemente venuto a conoscenza. Nessuno mi ha chiesto di dimettermi”, ha detto.

Il primo ministro della Romania, Nicolae Ciucă, sarebbe stato il favorito per assumere la presidenza del Partito Nazionale Liberale, ma, per il momento, il presidente ad interim sarà Gheorghe Flutur. Insieme alle dimissioni di Florin Cîțu, anche il ministro dei Fondi europei, Dan Vîlceanu, ha annunciato le sue dimissioni.

x
Previous articleIl cambiamento principale dal 1 giugno per tutti i rumeni, poiché il loro valore aumenterebbe
Next articleAnche le vignette non sono più accettate dal regime di Putin. Una popolare serie censurata russa