Cosa ci fanno i soldati russi con le cose rubate dalle case degli ucraini? Sta accadendo in una città nel vicino stato della Bielorussia 1

La guerra in Ucraina ha causato molte sofferenze e distruzioni al territorio e alla vita delle persone nelle aree attaccate dalle forze armate russe. Innumerevoli volte, lo Stato maggiore delle forze armate ucraine ha riferito che gli invasori russi stanno derubando le proprietà degli abitanti invasi, ma pochi hanno pensato a cosa stanno effettivamente facendo i soldati con le cose rubate dalle case degli ucraini. Tutto si svolge in una città della Bielorussia.

Cosa sta succedendo alle cose rubate dalle case degli ucraini dai soldati russi

L’esercito russo ha distrutto intere città, quartieri residenziali e praticamente la vita di molti degli abitanti dell’Ucraina. Gli invasori sono passati come un uragano, lasciandosi dietro il caos. Molte proprietà sono state saccheggiate dalle forze russe, che hanno rubato automobili e persino elettrodomestici, oltre a cibo per rifornire i soldati che lanciavano attacchi nel territorio.

Mentre alcune delle merci degli ucraini arrivavano in Russia, altre cose rubate dai soldati russi dalle case degli abitanti arrivavano in una cittadina della Russia. Bielorussia, lo stato che ha mostrato sostegno alla Russia dall’inizio del conflitto in Ucraina. Secondo il servizio di intelligence del ministero della Difesa ucraino, qui è stato allestito un bazar che vende vari oggetti rubati dai soldati durante l’invasione.

Un mercato in cui vengono scambiate merci ucraine, organizzato in Bielorussia

Dallo scoppio della guerra da parte della Russia, sui social media sono apparse diverse immagini che rivelano come i soldati russi abbiano rapinato negozi, banche o case di ucraini durante gli attacchi. Sembra che Le truppe russe hanno deciso di capitalizzare sulla merce rubata e allestire un mercato all’aperto nella città bielorussa di Narouli, vicino al confine ucraino. Qui troverai giocattoli, gioielli, automobili, cosmetici e persino valuta.

Secondo i funzionari ucraini, il bazar organizzato russo vende lavatrici e lavastoviglie, frigoriferi, gioielli preziosi, automobili, biciclette, motocicli, stoviglie, tappeti, opere d’arte, giocattoli, cosmetici, praticamente tutto quello che ottengono. derubando i civili in Ucraina. I soldati di Putin hanno cercato di cambiare la valuta rubata, ma le restrizioni su valute come l’euro e il dollaro hanno reso i bielorussi riluttanti e hanno indirizzato i russi alle banche locali.

In un post su Facebook, il servizio di intelligence del ministero della Difesa ucraino mostra che gli invasori hanno allestito un bazar speciale a Maroder. Una colonna di camion con vari beni industriali e domestici è stata segnalata anche nella città di Buryn (distretto di Konotopsʹkij nel distretto di Sumy), al confine di stato. Allo stesso tempo, nella città di Mozir (Bielorussia) sono radunati i militari russi KAMAZ da cui i soldati scaricano pacchi con cose ottenute tramite rapine.

x
Previous articleLa prima dura reazione di papa Francesco a Vladimir Putin. Il recente messaggio del sovrano pontefice, prima della possibile visita a Kiev
Next articleLa Turchia offre supporto per l’evacuazione dei civili da Mariupol via mare. L’annuncio del ministro della Difesa di Ankara