Il regime di Vladimir Putin sta combattendo con tutte le sue armi nella guerra con l’Ucraina, mettendo in moto la macchina della propaganda. Dopo che i principali social network sono stati banditi, la censura continua. Una popolare serie di cartoni animati russi è stata censurata. Un recente episodio di commento sulla guerra in Ucraina è stato bandito.

Una popolare serie di cartoni animati in Russia, censurata dal regime di Putin

Masyanya è un personaggio animato che riscuote un grande successo sulla piattaforma YouTube, dove ha milioni di follower. La serie di cartoni animati è anche estremamente popolare in Russia, con l’eroina intelligente e vestita che conquista il pubblico russo online. Di recente, però, l’ultimo episodio della produzione ha suscitato scalpore tra le autorità russe, che hanno bandito la serie.

Gli oltre un milione di iscritti a YouTube che seguono generalmente le avventure del protagonista hanno scoperto che l’ultimo episodio con Masyanya è stato censurato. I commenti sulla guerra in Ucraina hanno portato a questa decisione vietare la serie, secondo BBC.

Cartoni animati censurati in Russia
Un episodio della produzione animata è stato censurato dal regime di Putin
foto – bbc.com

Il produttore dell’animazione, sulla decisione di includere la guerra nella serie

L’episodio che ha attirato la decisione di censura è stato notato dai riferimenti a lui Vladimir Putin, il principale colpevole dello scoppio della guerra in Ucraina. Così, poco dopo la sua trasmissione, che ha raccolto oltre tre milioni di visualizzazioni, le autorità russe hanno deciso di vietarla per aver “screditato” l’esercito russo.

In un’intervista alla BBC in cui è stato invitato il regista della serie, Oleg Kuvaev, spiega perché ha deciso di inserire nel cartone animato il tema della guerra ucraina, che normalmente non affronta questioni politiche. Il produttore, emigrato dalla Russia in Israele diversi anni fa, ha deciso di continuare a realizzare contenuti per il pubblico russo. Ha detto alla fonte di essere interessato a come “l’isteria della guerra abbia trasformato le menti delle persone”, con molti cittadini accecati dalla propaganda di Putin.

Inoltre, il regista della serie animata russa afferma che non c’era modo migliore per ridere della guerra che attraverso un episodio della sua produzione. Inoltre, Oleg Kuvaev spera che, attraverso le sue animazioni, il popolo russo a scoprire la verità. Durante l’episodio censurato, cerca addirittura di presentare la reale situazione nello stato confinante con la Russia, che Vladimir Putin ha deciso di mascherare come una “operazione militare speciale” di “denazificazione”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here