"Non capisco il presidente Putin". 1

Gli alti funzionari di Washington non hanno idea di cosa stia realmente accadendo al Cremlino e di come vengono prese le decisioni, il che potrebbe portare a conseguenze disastrose e decisioni errate da parte degli Stati Uniti, ha affermato Dmitry Peskov. Interfax.

La mancanza di informazioni da Washington solleva la preoccupazione del Cremlino

“Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza. Sembra che né il Dipartimento di Stato né il Pentagono abbiano alcuna informazione reale su ciò che sta accadendo al Cremlino. Semplicemente non capisco cosa sta succedendo al Cremlino. Non capisco Presidente Putin. Io non lo capisco. Capisco il meccanismo decisionale. Non capiscono lo stile del nostro lavoro”, ha detto.

Quindi Peskov ha commentato le recenti dichiarazioni di funzionari della Casa Bianca e del Pentagono che Vladimir Putin non riceve informazioni complete sullo svolgimento dell’operazione speciale in Ucraina ed è fuorviato.

“Riteniamo che Putin sia stato disinformato dai suoi consiglieri sulle scarse prestazioni dell’esercito russo e sul modo in cui l’economia russa è paralizzata dalle sanzioni, poiché i suoi massimi consiglieri hanno troppa paura di dire la verità”, ha detto mercoledì un funzionario. Americano, soggetto all’anonimato.

Sir Jeremy Fleming, capo del Government Communications Center britannico, una delle principali agenzie di intelligence britanniche, ha anche affermato mercoledì sera che I soldati russi sono sempre più demoralizzati e che cominciarono a rifiutarsi di eseguire gli ordini.

“La mancanza di informazioni è preoccupante. Perché un malinteso così completo porta solo a decisioni errate, decisioni avventate che hanno conseguenze pessime”, ha aggiunto Dmitry Peskov a proposito delle dichiarazioni del funzionario americano.

Il segretario generale della NATO afferma che le truppe russe “non si ritirano, riposizionano”

Giovedì il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha detto che si aspettava ulteriori azioni offensive della Russiache “porterà ancora più sofferenza”.

Intervenendo a una conferenza stampa a Bruxelles per il rapporto annuale 2021 del Segretario generale, Stoltenberg ha affermato che, secondo i rapporti, “Le unità russe non si stanno ritirando, si stanno riposizionando. La Russia sta cercando di riorganizzarsi, rifornire e consolidare la sua offensiva nella regione del Donbas. Allo stesso tempo, la Russia mantiene pressione su Kiev e altre città”.Scrivilo CNN.

“Possiamo aspettarci un’azione più offensiva che porterà ancora più sofferenza. Ho sentito recenti dichiarazioni secondo cui la Russia ridurrà le operazioni militari intorno a Kiev e nell’Ucraina settentrionale. Ma la Russia ha ripetutamente mentito sulle sue intenzioni, quindi possiamo giudicare la Russia solo dalle sue azioni, non con le sue parole “, ha detto Stoltenberg.

Ha invitato la Russia a “porre fine a questa guerra senza senso, ritirare tutte le truppe e impegnarsi in colloqui in buona fede”.

x
Previous articleErdogan annuncia che la Turchia è pronta per essere un paese garante per l’Ucraina
Next articleVladimir Putin dice al premier italiano La Russia non cesserà il fuoco in Ucraina: “È una decisione prematura”