--Advertisements--

La Commissione europea sospetta che la compagnia russa del gas abbia violato le regole della concorrenza per aumentare i prezzi. Sorprendenti ispezioni sono state effettuate presso la sede della compagnia russa del gas Gazprom in Germania, che sospetta di aver violato le regole della concorrenza al fine di aumentare i prezzi, secondo quanto riferito giovedì da diverse fonti europee bfmtv.com.

Ispezioni presso la sede di Gazprom in Romania da parte della Commissione Europea

L’Esecutivo europeo, custode della concorrenza dell’UE, non ha confermato queste informazioni, ma ha riconosciuto in un comunicato stampa di aver effettuato verifiche in collaborazione con l’autorità tedesca garante della concorrenza. “Presso le sedi di diverse società attive nella fornitura, trasporto e stoccaggio di gas naturale in Germania”.

Cosa ha fatto la Russia per aumentare il valore del rublo

La diga di sanzioni imposte dall’Occidente in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia decimò il rublo. Ma un mese dopo la caduta dei carri armati, la valuta si è completamente ripresa e ora viene scambiata ai livelli prebellici, ha affermato. CNN.

Banca centrale russa ha compiuto passi drammatici nelle ultime settimane per intervenire sul mercato, attuando politiche per impedire a investitori e aziende di vendere la valuta e altre misure che li costringono ad acquistarla.

La banca centrale ha raddoppiato i tassi di interesse al 20%, incoraggiando gli economisti russi a mantenere i loro soldi in valuta locale. Agli esportatori è stato ordinato di cambiare l’80% dei loro guadagni in valuta estera con rubli invece che dollari USA o euro.

--Advertisements--

Ai broker russi è stato vietato di vendere titoli di proprietà straniera e ai residenti non è consentito effettuare bonifici bancari al di fuori della Russia. Inoltre, la Russia ha minacciato di fare causa pagamento del gas naturale in rublinon in euro o dollari.

Queste misure hanno permesso a Mosca di produrre artificialmente la domanda di rubli. Il problema che devono affrontare i decisori politici è che con l’economia russa allo sfascio, nessuno vuole acquistare la valuta da solo. Quando le restrizioni saranno revocate, la domanda del rublo diminuirà drasticamente.

Lo stesso vale per il mercato azionario russo. Il benchmark MOEX è in aumento quando il trading è ripreso una settimana fa dopo un lungo cessate il fuoco, ma gli analisti affermano che ciò è dovuto alle restrizioni sugli investitori, incluso il divieto di vendite allo scoperto. Solo 33 azioni sono state autorizzate a negoziare quando il mercato ha riaperto. Quando il trading è stato esteso a tutti i titoli questa settimana, l’indice è sceso di nuovo.

Alla luce di ciò, il ritorno del rublo ei movimenti di borsa non devono essere visti come un segnale di ripresa dell’economia russa. Il paese sta affrontando la recessione più profonda dagli anni ’90 e l’economia si ridurrà di un quinto quest’anno, secondo una recente previsione di S&P Global Market Intelligence.

--Advertisements--

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here