"Forniremo cibo e raccolti solo ai nostri amici" 1

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza (SS) della Federazione Russa, ha confessato che la Russia fornirà cibo solo ai paesi “amici”. Questa misura estrema di Mosca arriva dopo che l’Occidente ha applicato una serie di misure economiche contro Mosca dopo l’invasione dell’Ucraina.

La Russia ha ricattato i paesi nemici

“Ricordo che quando ero bambino, l’URSS comprava grano dal Canada. Era strano. Oggi il quadro è completamente diverso: La Russia è il più grande produttore di grano, insieme a India e Cina. E negli ultimi anni, il più grande esportatore di grano.

È successo che la sicurezza alimentare di molti paesi dipenda dalle nostre forniture. Si scopre che il nostro cibo è la nostra arma pacifica. Silenzioso, ma inquietante. E se qualcuno non sa o dimentica, allora l’esportazione dei nostri prodotti agricoli supera l’esportazione di armi: l’anno scorso ammontava a oltre 37 miliardi di dollari.

Date le sanzioni totali imposteci dai paesi occidentali, evidenzierò alcuni punti semplici ma importanti riguardanti la sicurezza alimentare della Russia.

Il primo. Sono sufficienti vari e deliziosi prodotti russi per soddisfare pienamente le nostre esigenze domestiche. Secondo. Priorità nell’approvvigionamento alimentare è il nostro mercato interno. E il controllo dei prezzi. Allo stesso tempo, lo Stato continuerà a fornire assistenza sistematica e su larga scala agli agricoltori.

Terzo. Forniremo solo cibo e raccolti ai nostri amici (fortunatamente ne abbiamo molto e non sono affatto in Europa o in Nord America). Vendiamo sia in rubli che per la loro valuta nazionale in proporzioni concordate.

Il quarto. Non forniremo i nostri prodotti e prodotti agricoli ai nostri nemici. E non compreremo nulla da loro (anche se non compriamo nulla dal 2014, ma l’elenco dei prodotti vietati dall’importazione può essere ulteriormente ampliato)”, ha affermato Medvedev sul suo account Telegram.

Lo ha affermato nei giorni scorsi il segretario di Stato americano Antony Blinken tensioni intorno all’Ucraina hanno creato problemi alimentari ed energetici in tutto il mondo. Secondo Blinken, l’impatto della situazione in Ucraina “si fa sentire in tutto il mondo. A causa dell’aggressione russa abbiamo problemi con l’approvvigionamento alimentare, perché è in gioco l’esportazione di prodotti agricoli”, ha affermato il capo del Dipartimento di Stato.

x
Previous articleI russi rubano tonnellate di cibo e medicine lungo il corridoio umanitario mentre l’Ucraina cerca di evacuare le città distrutte
Next articleLa guerra è tutt’altro che finita nei prossimi giorni. I funzionari ucraini chiedono nuovamente alla NATO di fornire armi e munizioni