Sergei Lavrov, visita in Cina. Che decisione hanno preso Mosca e Pechino 1

La Russia e la Cina hanno raggiunto un accordo per estendere la cooperazione in una riunione dei loro ministri degli esteri in Cina mercoledì, ha affermato il ministero degli Esteri russo da Interfax. Ha descritto Mosca come “condizioni internazionali difficili”, ha detto Reuters.

Mosca e Pechino, decisione dell’ultimo minuto dopo la visita di Lavrov in Cina

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha incontrato mercoledì la controparte russa, Sergej Lavrov, nella provincia cinese orientale di Anhui, dove la Cina avrebbe ospitato due giorni di incontri sull’Afghanistan, ha riferito la CGTN. Il rapporto non ha fornito ulteriori dettagli sul loro incontro.

Lavrov era già arrivato in Cina per colloqui ospitati da Wang, che avrebbero dovuto includere rappresentanti dei talebani al potere in Afghanistan, nonché Pakistan, Iran, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

Tom Ovest, Rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan, parteciperà a una riunione separata nella stessa sede della cosiddetta Troika allargata: Cina, Russia e Stati Uniti più Pakistan, ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato americano. Quell’incontro non include Lavrov e Wang.

I colloqui si svolgono sullo sfondo dell’invasione russa dell’Ucraina e della crisi economica e umanitaria dell’Afghanistan, esacerbata dall’interruzione degli aiuti finanziari a seguito dell’acquisizione da parte dei talebani. Truppe guidate dagli USA sono partiti ad agosto.

Vengono anche in mezzo alla diffusa condanna del ritorno dei talebani la scorsa settimana, che ha permesso alle ragazze di frequentare le scuole superiori pubbliche, che ha causato sgomento tra i finanziatori prima di una conferenza chiave dei donatori.

Il mantenimento del divieto ha portato i funzionari statunitensi ad annullare i colloqui di Doha con i talebani e un avvertimento del Dipartimento di Stato che Washington considerava la decisione come “un potenziale punto di svolta nel nostro impegno” con i militanti.

Gli Stati Uniti ritengono di condividere con altri membri della Troika allargata l’interesse dei talebani nell’adempiere ai propri impegni di formare un governo inclusivo, cooperare nella lotta contro il terrorismo e ricostruire l’economia afgana, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato.

La scorsa settimana, Wang ha visitato Kabul per incontrare il ministro degli Esteri afghano Amir Khan Muttaqi per discutere i legami politici ed economici, compreso l’inizio dell’attività mineraria e il possibile ruolo dell’Afghanistan nella Belt and Infrastructure Initiative. Lo ha detto il ministero degli Esteri cinese. Muttaqi doveva partecipare all’incontro in Cina.

x
Previous articleDove mangiare la polenta in tutta Italia
Next articleCucina vietnamita, sapori d’Oriente in tavola