Una dichiarazione del dipartimento comunicazioni della presidenza turca ha rivelato in una telefonata domenica che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il suo omologo russo Vladimir Putin “Convenuto che il prossimo incontro delle delegazioni russa e ucraina avrà luogo a Istanbul”.

La Turchia ospiterà un nuovo ciclo di colloqui tra Russia e Ucraina

AGGIORNAMENTO 16:05 – La Russia annuncia una riduzione “radicale” dell’attività militare a Kiev

Martedì, dopo che l’esercito ucraino ha respinto le forze russe nel sud e nell’ovest, la Russia ha annunciato una riduzione “radicale” dell’attività militare russa nelle regioni di Kiev e Chernivtsi, riferisce AFP.

“I negoziati per un accordo sulla neutralità e lo status di non nucleare dell’Ucraina stanno entrando in una dimensione pratica”, ha affermato a Istanbul il vice ministro degli Esteri della Difesa russo Aleksandr Fomin.

“Per aumentare la fiducia, è stato deciso di ridurre drasticamente l’attività militare a Kiev e Chernivtsi”, ha affermato.

Da parte sua, il capo negoziatore russo Vladimir Medinsky ha chiesto “negoziati sostanziali”.

AGGIORNAMENTO 15:50 – La Russia, disposta a rinunciare alla sua richiesta di “denazificare” l’Ucraina

Secondo un rapporto citato da Notizie del cieloLa Federazione Russa è disposta a rinunciare alla richiesta dell’Ucraina di “denazificare” e approvare l’adesione di Kiev all’UE se rinuncia invece all’adesione alla NATO.

La fonte citata menziona anche che ci sono indicazioni che la Russia stia riducendo i suoi obiettivi nella guerra in Ucraina, mentre un rapporto di martedì mattina suggerisce che sarebbe disposta a fare due importanti concessioni, menzionate in precedenza.

AGGIORNAMENTO 15:45 – L’Ucraina annuncia le conclusioni dei negoziati

Dopo tre ore di colloqui, i negoziati russo-ucraini si sono conclusi. David Arakhamia, un funzionario ucraino, ha presentato i risultati provvisori dei negoziati in un briefing:

  • “La nostra prima vittoria è il trasferimento dei negoziati dalla Bielorussia alla Turchia. Consideriamo la Turchia una delle garanzie di sicurezza per l’Ucraina.
  • Dopo i negoziati, Regno Unito, Cina, Stati Uniti, Turchia, Francia, Canada, Italia, Polonia e Israele possono fornire garanzie di sicurezza all’Ucraina. Agiranno come parte di un trattato internazionale. Potranno chiudere il cielo su richiesta dell’Ucraina.
  • Il sistema esistente di garanzie di sicurezza non funziona, come vediamo in Mariupol e Kharkov.
  • Abbiamo convenuto che tutti i paesi che garantiscono la sicurezza non solo non dovrebbero impedire la nostra adesione all’UE, ma anche aiutare in questo processo”, ha affermato il funzionario ucraino.

Mikhail Podolyak, consigliere del presidente dell’Ucraina, ha anche annunciato una serie di conclusioni:

  • “L’attuazione delle decisioni seguirà la procedura: referendum, poi ratifica da parte dei parlamenti dei Paesi garanti.
  • Per quanto riguarda la Crimea, questa è una clausola separata nell’accordo. Terremo colloqui con la Russia sulla Crimea per 15 anni, durante i quali non ci saranno ostilità.
  • La situazione con ORDLO sarà anche descritta in un paragrafo separato. “

AGGIORNAMENTO 12:55 – Il miliardario russo Roman Abramovich, visto a Istanbul con il portavoce di Erdogan

Il miliardario russo Roman Abramovich, proprietario della squadra di calcio del Chelsea, è stato osservato nella sala dove si svolgono i colloqui di pace tra le delegazioni russa e ucraina, in Turchia, a Istanbul, riporta la BBC.

Le immagini, diffuse dalla stampa turca, mostrano l’oligarca russo seduto a un tavolo con Ibrahim Kalin, portavoce del presidente turco Erdogan, e con indosso le cuffie attraverso le quali ascolta la traduzione del discorso del leader turco.

Va notato, tuttavia, che Abramovich non è al tavolo principale delle delegazioni negoziali.

AGGIORNAMENTO 10:00 – I negoziati inizieranno alle 10:00 ora locale

Una delegazione ucraina è arrivata martedì a Istanbul, in Turchia, per colloqui di pace con la parte russa, riferisce la BBC. I negoziati, i primi in più di due settimane, saranno condotti dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. L’inizio della riunione è previsto per le 10:00 ora locale di martedì (07:00 GMT).

La delegazione è guidata dal ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov e Mikhail Podolyak, capo di stato maggiore del presidente.

AGGIORNAMENTO 9:45 – FT: La Russia sarebbe disposta ad accettare l’adesione dell’Ucraina all’UE

La Russia sarebbe disposta ad accettare l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea se rinunciasse alla sua ambizione di entrare a far parte della NATO e rimanesse militarmente allineata, hanno detto al Financial Times quattro persone che sono a conoscenza dei colloqui tra le due delegazioni per un cessate il fuoco.

L’Ucraina e la Russia stanno discutendo una tregua come parte di un possibile accordo che richiederebbe al paese guidato da Zelensky di abbandonare la sua offerta di aderire alla NATO in cambio di garanzie di sicurezza e della prospettiva di entrare nell’UE, hanno affermato. tutela dell’anonimato, fonti citate da FT.

AGGIORNAMENTO 29 marzo – Le delegazioni ucraina e russa si incontrano a Istanbul

Le delegazioni russa e ucraina sono arrivate a Istanbul per i primi colloqui faccia a faccia dopo più di due settimane. Un alto funzionario statunitense ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin non sembra pronto a scendere a compromessi.

D’altra parte, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è pronto ad accettare lo status di neutralità, ma esclude la cessione di territorio o sovranità. L’obiettivo più ambizioso dell’Ucraina nei negoziati con la Russia è un accordo di cessate il fuoco, ha affermato il ministro degli Esteri ucraino.

Nel suo discorso di mezzanotte, il leader di Kiev ha chiesto ancora una volta alle potenze mondiali di inviare armi all’Ucraina e di rafforzare le sanzioni contro la Russia, anche attraverso un embargo petrolifero.

Prime notizie

Il portavoce del presidente turco Ibrahim Kalin ha detto domenica alla presentatrice della CNN International Becky Anderson che i colloqui si sarebbero svolti martedì. Tuttavia, il negoziatore ucraino David Arakhamia ha affermato in precedenza che l’incontro si sarebbe svolto lunedì. Le trattative precedenti hanno prodotto pochi risultati.

Erdogan e Putin hanno discusso “l’ultima situazione nella guerra Russia-Ucraina” e gli sforzi negoziali russo-ucraini, secondo la lettura dell’appello della presidenza turca.

“Durante l’incontro, il presidente Erdogan ha sottolineato la necessità di stabilire al più presto un cessate il fuoco e la pace tra Russia e Ucraina e di migliorare la situazione umanitaria nella regione, e ha affermato che la Turchia continuerà a contribuire in ogni modo possibile durante questo processo. ” , la dichiarazione continuava, di conseguenza CNN.

Zelensky: La pace e il ripristino della vita normale sono obiettivi “ovvi” nei nuovi colloqui con la Russia

La pace e il ripristino di una vita normale sono gli obiettivi “ovvi” dell’Ucraina, come il paese sta entrando in un nuovo ciclo di colloqui con la Russia la prossima settimana, ha detto domenica il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Parlando in un video sui social media, Zelenski ha affermato che quando martedì inizierà un nuovo round di negoziati faccia a faccia a Istanbul, l’Ucraina sta cercando la pace “senza indugio”.

“Le nostre priorità nei negoziati sono ben note. La sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina sono indiscutibili. Efficaci garanzie di sicurezza per il nostro Stato sono obbligatorie. Il nostro obiettivo è ovvio: la pace e il ripristino di una vita normale nel nostro Stato d’origine il prima possibile”, ha affermato Zelenski .

Parlando domenica con il presidente russo Vladimir Putin, il presidente turco Tayyip Erdogan ha sottolineato la necessità di un cessate il fuoco in Ucraina “e la pace tra Russia e Ucraina il prima possibile”, secondo la presidenza turca.

Allo stesso tempo, Le forze russe continuano gli attacchi missilistici Dall’altra parte dell’Ucraina domenica notte, secondo Mikhail Podoliak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky. Ha menzionato le città di Lutsk, Kharkiv, Zhitomir e Rivne in un post su Twitter.

“Sempre più missili ogni giorno. Mariupol è sotto i bombardamenti. La Russia non ha più una lingua, l’umanesimo, la civiltà. Solo missili, bombe e tentativi di cancellare l’Ucraina dalla faccia della terra”, ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here