Secondo il canale Telegram del Ministero della Difesa russo, Mosca ha intenzione di ridurre drasticamente la sua attività militare in due regioni – Kiev e Chernivtsi. Il vice ministro della Difesa russo Alexander Fomin ha confermato che “a volte l’attività militare viene ridotta drasticamente”, come citato dai media statali RIA. Questa mossa arriva dopo i colloqui di pace tra Ucraina e Russia. Non è chiaro quali implicazioni questo avrà per il conflitto in corso nell’Ucraina orientale.

L’esercito russo ha deciso di ritirarsi da Kiev e Chernivtsi

La mossa arriva dopo i colloqui tra le delegazioni russa e ucraina a Istanbul martedì.

“Poiché i negoziati sulla preparazione di un accordo sulla neutralità e lo status di non nucleare dell’Ucraina, nonché sulla concessione di garanzie di sicurezza all’Ucraina, procedono nella pratica, tenendo conto dei principi discussi nella riunione odierna di Ministero della Difesa della Federazione Russa Al fine di accrescere la fiducia reciproca e creare le condizioni necessarie per ulteriori negoziati e per raggiungere l’obiettivo finale di concordare la firma del suddetto accordo, si è deciso di ridurre radicalmente l’attività militare nel direzione di Kiev e Chernivtsi”, ha detto Fomin ai giornalisti.

In una dichiarazione rilasciata oggi, l’esercito ucraino ha detto che “alcune unità” dell’esercito russo si stanno ritirando dai fronti di battaglia a Kiev e nella città settentrionale di Chernivtsi. Questo è visto come un segno che la Russia potrebbe fare marcia indietro di fronte alla crescente pressione internazionale sul suo coinvolgimento militare in Ucraina.

Questo sviluppo arriva come un sollievo per molti ucraini, che hanno vissuto nella paura di un’invasione russa su larga scala. L’esercito ucraino è stato impegnato per mesi in feroci combattimenti contro le forze separatiste sostenute dalla Russia nell’est del paese e il morale sta cominciando a scendere tra i soldati e i civili.

Se la Russia sta davvero ritirando le sue truppe dall’Ucraina, potrebbe essere un segno che il Cremlino è finalmente pronto a negoziare una soluzione pacifica alla crisi. La comunità internazionale seguirà da vicino gli sviluppi in Ucraina nei prossimi giorni e settimane.

“Il nemico russo non ha raggiunto l’obiettivo della sua operazione offensiva”, ha detto martedì in un aggiornamento ufficiale di Facebook.

Tuttavia, ha avvertito dell'”alto rischio” che le truppe russe attacchino le infrastrutture militari e civili. L’esercito russo, ha detto, sta lottando per consolidare e ruotare nuove truppe a causa del “rifiuto del personale a partecipare alle cosiddette operazioni speciali” e “non sono in grado di assoldare nemmeno un battaglione-gruppo tattico”.

Nella quinta settimana dell’invasione russa, la resistenza “eroica” ucraina sta conducendo un’operazione di difesa a est, sud-est e nord-est, tenendo il nemico in tutte le direzioni.

Esplosione ascoltata durante l’intervista della CNN al sindaco di Chernivtsi

Martedì si potrebbe sentire un’esplosione durante un’intervista della CNN con il sindaco di Chernyiviv Vladislav Atroshenko. Atroshenko ha descritto come la sua città, che si trova a circa 90 miglia a nord-est di Kiev, fosse sottosopra attacco costante dall’inizio dell’invasione russa.

Ha parlato con CNN davanti a un cinema bombardato, che secondo lui è stato colpito da un razzo.

“Possiamo affermare con sicurezza che l’esercito russo sta conducendo questa guerra non contro le forze armate ucraine, ma contro i civili”, ha affermato Atroshenko.

Chernivtsi è stato pesantemente attaccato da attacchi aerei e bombardamenti di mortai, ha detto. i russi non usano armi di alta precisione.

Si stima che circa 300-400 persone siano state uccise in città, ma la cifra esatta non è chiara, ha detto il sindaco. La CNN non può verificare immediatamente un numero qualsiasi di morti. La stragrande maggioranza dei morti sono civili, ha detto Atroshenko.

Circa 100.000-110.000 dei 290.000 residenti della città rimangono a Chernivtsi, ha detto il sindaco, aggiungendo che la città continuerà a trattenere le forze militari russe.

“Non ci arrenderemo. Assolutamente in nessun posto sicuro in città in questo momento. Il nemico sta colpendo ovunque “, ha detto, mentre si sentiva un’esplosione in sottofondo. Il rumore proveniva dalle munizioni russe, ha detto Atroshenko.

x
Previous articleFrasi e immagini Buongiorno e Buon Mercoledi: le più belle del 30 Marzo 2022
Next articleLa reazione del Cremlino dopo la notizia dell’avvelenamento di Roman Abramovich