Dopo l’invasione dell’Ucraina, la Russia subisce pesanti sanzioni. Inoltre, sempre più stati stanno sostenendo il Paese guidato da Volodymyr Zelenski, nella lotta per difendere i propri territori. Di recente, un paese che la Russia ha aiutato in passato ha fatto una mossa impressionante inviando un aereo di aiuti umanitari in Ucraina. Maggiori dettagli di seguito.

Sparato per Vladimir Putin

Per evitare lo “scenario peggiore” a Mariupol, la Croce Rossa ha urgentemente chiesto aiuto ai civili bloccati nella città portuale dell’Ucraina.

Il primo aereo di aiuti umanitari in Ucraina è stato inviato dallo stesso Kazakistan, paese che la Russia ha recentemente aiutato. Parliamo di un trasporto che pesa 28,2 tonnellate, gran parte dell’importo che rappresenta i medicinali.

L’Australia, dal canto suo, ha annunciato nuove lune sanzioni per gli oligarchi russiuomini d’affari chiave e i loro familiari, ha affermato il ministero degli Esteri australiano.

A causa delle sanzioni, 33 persone soffriranno, tra cui Roman Abramovich, proprietario della squadra di calcio del Chelsea, Alexey Miller, CEO di Gazprom, e Dmitry Lebedev, presidente di Rossiya, uno dei più grandi vettori aerei della Russia.

“Le sanzioni annunciate oggi rafforzano l’impegno dell’Australia nel punire coloro che hanno accumulato vaste ricchezze personali e sono di importanza economica e strategica per la Russia, anche a causa dei loro legami con il presidente russo Vladimir Putin”, ha affermato il ministro degli Esteri Marise Payne dall’Australia.

Leggi anche: Vladimir Putin sarà accusato di crimini di guerra. Chi fa l’annuncio

Il paese che ha aiutato in passato sta facendo una mossa importante per l’Ucraina

Come ho detto QUIla città di Mariupol si trova ad affrontare una situazione “quasi senza speranza”, motivo per cui il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha chiesto una soluzione urgente per prevenire lo “scenario peggiore”.

“Lo scenario peggiore attende le centinaia di migliaia di civili coinvolti in pesanti combattimenti a Mariupol se le parti non raggiungeranno un accordo umanitario di emergenza concreto”, si legge nella nota.

“Tutti coloro che sono coinvolti nei combattimenti devono concordare le modalità ei tempi del cessate il fuoco, i luoghi precisi del passaggio sicuro e quindi garantire che l’accordo sia rispettato”, ha aggiunto il CICR.

Tra i paesi che hanno inviato aiuti umanitari all’Ucraina c’è il Kazakistan, un paese che ho menzionato e che la Russia ha aiutato in passato.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

In particolare, il presidente Vladimir Putin ha inviato truppe in Kazakistan nel gennaio 2022 per aiutare a stabilizzare la situazione in questa repubblica dell’Asia centrale, teatro di violenti disordini (rivoluzione del Kazakistan).

I presidenti hanno poi scambiato opinioni sulle misure adottate dalle autorità kazake per ristabilire l’ordine nel Paese del Mar Caspio, con i due che hanno accettato di rimanere in contatto “permanente”.

Previous articleUn caro amico di Putin dice che l’operazione russa in Ucraina non sta andando secondo i piani
Next articleDecisione drastica del sindaco ucraino dopo la morte di un giornalista straniero negli attentati