La guerra non provocata di Ladimir Putin contro l’Ucraina e la conseguente risposta globale spingeranno l’economia russa indietro di almeno 30 anni, vicino ai vecchi tempi dell’Unione Sovietica, e ridurranno il suo tenore di vita per almeno i prossimi cinque anni, secondo gli economisti. investitori e diplomatici.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin distrugge 30 anni di progresso nell’economia russa

Le sanzioni occidentali hanno lo scopo di causare dolore massimizzare l’economia del paese, scacciarlo dai mercati globali e congelare i beni in tutto il mondo. Dalla loro entrata in vigore tre settimane fa, le sanzioni hanno aperto un nuovo capitolo nella storia economica della Russia.

Il suo sistema finanziario e la sua valuta stanno crollando su più fronti, costringendo il Cremlino a chiudere il mercato azionario e sostenere artificialmente il rublo all’interno dei suoi confini.

Praticamente dall’oggi al domani, lo sforzo quarantennale del Paese per costruire una prospera economia di mercato, iniziato sotto l’ex leader Mikhail Gorbaciov, è fallito come vittima della brutale invasione dell’Ucraina da parte del presidente Putin.

Le importanti riforme economiche e sociali iniziate negli anni ’80 hanno dato all’Unione Sovietica un primo assaggio dei prodotti americani. Ma nelle ultime settimane sono finiti decenni di lavoro per integrare l’economia in Europa, quando le società blue chip hanno lasciato il mercato russo e gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno deciso di ridurre commercio e turismo con la Russia.

Miliardi di euro tenuti in riserva dalla banca centrale russa, completamente congelati

Due sanzioni, in particolare, hanno devastato. Il primo ha escluso le maggiori banche russe dalla rete di pagamento globale nota come SWIFT, rendendo molto difficile per loro elaborare le transazioni all’estero.

La seconda misura ha congelato centinaia di miliardi di euro tenuti in riserva dalla banca centrale russa. Senza fondi di riserva a sostegno del rublo, il Cremlino può fare ben poco per impedirne il crollo.

Nel frattempo, anche gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno bloccando le importazioni di petrolio e gas russi, gli Stati Uniti hanno imposto controlli sulle esportazioni di attrezzature high-tech e beni di lusso e un elenco crescente di paesi ha bandito le navi russe dai loro porti.

“Il problema ora è che siamo praticamente in una spirale in cui non sappiamo quante perdite non realizzate siano ancora da raggiungere. Quindi non possiamo ancora escludere che il rublo possa crollare, potrebbe crollare”, ha detto Maximillian Hess , borsista dell’Asia centrale nel programma Eurasia presso il Nonprofit Foreign Policy Research Institute. cnbc.com.

La minaccia della valanga economica della Russia minaccia già di distruggere decenni di guadagni economici per i cittadini comuni. Nell’ultimo mese, il rublo ha perso il 40% del suo valore rispetto al dollaro, rendendo la valuta effettivamente inutilizzabile al di fuori della Russia.

Nel disperato tentativo di mantenere il valore del rublo all’interno del Paese, l’8 marzo il Cremlino ha emesso un nuovo ordine che vieta il cambio dei rubli con valute forti come il dollaro USA o l’euro.

Questo ha effettivamente trasformato il rublo in denaro da gioco, una valuta che ha valore solo in un’economia essenzialmente fittizia all’interno della Russia, dove le persone non sono autorizzate ad acquistare i prodotti a cui sono abituate. Politiche come queste cancellano la credibilità costruita in decenni di integrazione dell’economia russa nel resto d’Europa.

Inoltre, sanzioni delle maggiori banche hanno aggiunto un altro livello di incertezza alle transazioni quotidiane, come l’acquisto di un biglietto della metropolitana a Mosca con Apple Pay, vietato dalle sanzioni statunitensi, o lo scambio di rubli con dollari in una banca, vietato dal Cremlino.

“C’era una classe media in via di sviluppo in Russia che ora sarà rovesciata. Sarà isolata. Avrà una valuta che non ha valore al di fuori del Paese”, ha affermato Christopher Smart, capo stratega globale e capo del Barings Investment Institute.

Gli esperti di politica estera ritengono inoltre che la Russia non pagherà il suo debito sovrano quando mercoledì saranno scaduti i pagamenti di obbligazioni per oltre 100 milioni di dollari.

x