La guerra della Russia in Ucraina oggi è vista come un “fallimento tattico e strategico”, ha dichiarato lunedì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau, il cui paese detiene la presidenza dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa nel 2022. OSCE), ha osservato l’AFP.

L’operazione della Russia in Ucraina, un “fallimento tattico e strategico”

Quindi la Russia ha cambiato il suo approccio l’invasione del 24 febbraio e “ha attaccato le strutture civili”, ha detto, sottolineando che si trattava di “terrorismo di stato” e che i suoi autori “sarebbero stati processati”.

Zbigniew Rau ha sottolineato che “la sua imparzialità si ferma là dove iniziano le violazioni del diritto internazionale umanitario”.

All’interno dell’OSCE, “la Russia ha avuto tutte le opportunità di lavorare diplomaticamente sui suoi problemi di sicurezza e lo scenario peggiore è diventato realtà”, ha affermato il ministro.

“L’aggressione russa minaccia l’OSCE, minaccia la sua organizzazione e il suo futuro”, ha affermato, aggiungendo che presto si recherà in Moldova e nei Balcani, soprattutto per mobilitarsi per una soluzione pacifica della crisi.

Inoltre, uno stretto collaboratore del presidente russo Vladimir Putin, il capo della Guardia nazionale Viktor Zolotov, ha affermato che “l’operazione militare” in Ucraina non si è svolta così rapidamente come avrebbe voluto il Cremlino e il capo della Guardia nazionale ha accusato i civili ucraini di estrema destra che si sarebbero infiltrati tra i civili, con Zolotov accuse circolate costantemente da Mosca.

Il capo dell’Onu avverte che il sistema alimentare globale è in crisi

Lunedì il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che il mondo deve agire per prevenire “l’uragano della carestia e il crollo del sistema alimentare globale” dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Il segretario generale ha detto ai giornalisti a New York che la guerra avrebbe probabilmente conseguenze di vasta portata per l’approvvigionamento alimentare globale, con un impatto devastante sui più poveri.

“Questa guerra è ben oltre l’Ucraina. È anche un attacco alle persone e ai paesi più vulnerabili del mondo”, ha detto Guterres Francia 24.

Anche prima della guerra, ha affermato, i paesi in via di sviluppo “stanno lottando per riprendersi dalla pandemia, con un’inflazione record, tassi di interesse in aumento e l’incombente onere del debito”.

“Il loro paniere è ora bombardato”, ha detto Guterres, osservando che l’Ucraina fornisce più della metà dell’approvvigionamento alimentare mondiale. Ha avvertito che l’indice globale dei prezzi alimentari delle Nazioni Unite era ai massimi storici e che i 45 paesi meno sviluppati del mondo stavano importando almeno un terzo del loro grano dall’Ucraina o dalla Russia.

Questi includono Burkina Faso, Egitto, Repubblica Democratica del Congo, Libano, Libia, Somalia, Sudan e Yemen.

“Dobbiamo fare tutto il possibile per prevenire un uragano di carestia e il collasso del sistema alimentare globale”, ha affermato Guterres, chiedendo la fine immediata delle ostilità.

Il Segretario generale è intervenuto su un briefing dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) al Consiglio di sicurezza.

Lo ha affermato il ministro degli Esteri polacco, che detiene la presidenza di turno dell’OSCE per il 2022 invasione dell’Ucraina da parte della Russia è stato “un fallimento strategico e tattico”. Zbigniew Rau ha affermato che, di conseguenza, Mosca ha cambiato tattica per iniziare a prendere di mira i civili.

“Questo è deplorevole e vergognoso e equivale a terrorismo di stato”, ha aggiunto.

Rau ha affermato che l’aggressione della Russia “minaccia l’esistenza stessa dell’OSCE”, ma ha aggiunto che presto si recherà in Moldova e nei Balcani per “dimostrare l’impegno dell’OSCE” ad aiutare a porre fine alla guerra.

Previous articleQuanto guadagna un guinness world record? Le cifre da capogiro
Next articleImmagini satellitari che mostrano il disastro vicino a Kiev. Quasi tutte le case sono distrutte o in fiamme dopo i bombardamenti