A causa dei bombardamenti, il pericolo di radiazioni nella zona di Chernobyl è in aumento, avverte l’Agenzia ucraina per la gestione della zona di esclusione. La scorsa settimana, l’Ucraina ha annunciato all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di aver perso i contatti con la centrale a causa di un’interruzione di corrente nella centrale. Maggiori dettagli di seguito.

Aumento del pericolo di radiazioni a Chernobyl a causa dei bombardamenti

Il pericolo di radiazioni dagli incendi nell’area della centrale nucleare di Chernobyl è in aumento, ha avvertito domenica l’Agenzia di Stato per la gestione della zona di esclusione.

“Secondo i criteri di classificazione per le emergenze, i criteri per un incendio nella zona di esclusione non devono superare 0,05-0,2 km”, ma le condizioni della zona di incendio superano queste cifre decine di volte.

Dal punto di vista dei rischi di radiazione registrati dal sistema automatizzato di monitoraggio delle radiazioni in 39 punti, gli incendi nelle aree con livelli significativi di contaminazione da radionuclidi e nei siti dell’infrastruttura di gestione dei rifiuti radioattivi entro il limite di 10 punti rappresentano un elemento particolarmente pericoloso “, l’agenzia ha trasmesso, di conseguenza Interfax Ucraina.

Leggi anche: Cosa succede alle centrali nucleari di Chernobyl e Zaporozhye dopo che sono state occupate dai russi

L’alimentazione dell’impianto è stata ripristinata

Giovedì la scorsa settimana, l’Ucraina ha annunciato che l’AIEA aveva perso i contatti con Chernobyl a causa di un’interruzione di corrente nell’impianto. Ieri, invece, è stata ripristinata l’alimentazione della centrale nucleare.

Allo stesso tempo, i sistemi di raffreddamento funzionano normalmente, ha annunciato il Ministero dell’Energia Atomica, affermando che non c’è bisogno di energia di riserva.

Il luogo il peggior disastro nucleare del mondo è stato catturato dalle forze russe il primo giorno dell’invasione del mese scorso. Sebbene non sia più una centrale elettrica funzionante, Chernobyl non è mai stata completamente abbandonata, richiedendo ancora una gestione costante.

Il personale rimasto presso la centrale sotto l’autorità delle forze russe continua a esprimere preoccupazione.

Vi ricordiamo inoltre che dieci giorni fa la più grande centrale nucleare d’Europa è stata pesantemente bombardata dalle truppe russe (maggiori dettagli QUI).

“Avvertiamo tutti che nessun paese, tranne la Russia, ha mai acceso centrali nucleari. È la prima volta nella nostra storia, la prima volta nella storia dell’umanità. Questo stato terrorista sta ora ricorrendo al terrore nucleare”, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky .

Previous articleIl coinvolgimento della NATO nella guerra in Ucraina scatenerà la terza guerra mondiale, afferma il Presidente del Consiglio europeo
Next articlei colori di abbigliamento più attuali -primavera estate 2022