I piccoli piani di Vladimir in onda Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha parlato dei presunti piani futuri di Putin dopo aver attaccato l’Ucraina, nonché della possibilità di una guerra nucleare. Afferma che Putin sta prendendo in considerazione gli stati baltici, così come molti altri paesi europei, dopo aver lasciato l’Ucraina.

I paesi che Vladimir Putin vuole continuare ad attaccare

Due settimane da allora Vladimir Putin ha attaccato l’Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato del piano di espansione di Putin e di cosa potrebbe accadere, dal suo punto di vista, se l’Occidente non andasse fino in fondo con le sanzioni imposte alla Russia. Zelensky crede anche che Putin voglia distruggere l’Europa e che l’Ucraina potrebbe essere seguita da altri stati, che ha elencato.

“Putin vuole distruggere l’Europa, proprio come l’Ucraina. Ascolta quello che dicono i propagandisti russi. Predicano anche nelle chiese sulla conquista di altri stati. Moldova, Georgia, Stati baltici. Sono sicuro che anche la Polonia è minacciata. In Infatti, l’intero continente è in pericolo finché la Russia può attaccare un altro Paese”, ha detto Zelenski in un’intervista alla pubblicazione tedesca Die Zeit.

Tuttavia, Zelenski non ha menzionato il nome della Romania come nell’elenco dei paesi di Putin e, per quanto riguarda la minaccia di una guerra nucleare, il presidente ucraino ha affermato che si trattava di una bufala e non ci credeva Pochi potrebbero usare armi nucleari nella guerra in Ucraina.

“Penso che la minaccia di una guerra nucleare sia un bluff. Una cosa è essere un assassino e un’altra è uccidersi. “Piuttosto, la minaccia di Putin è una debolezza”, ha detto.

Volodymyr Zelensky ha parlato anche dell’atto firmato nel 1994, con il quale l’Ucraina ha rinunciato volontariamente alle armi nucleari, e Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno garantito la sovranità del Paese, ma anche che queste garanzie non funzionano più, perché la Russia ha poi garantito la sicurezza dell’Ucraina. e ora la sta attaccando.

“Allora abbiamo semplicemente notato che i firmatari avevano violato i termini del Memorandum di Budapest.

La stessa Russia ci ha garantito la sicurezza. E ora sta cercando di distruggerci. Chi altro si fiderebbe del potere dei trattati? Pertanto, una severa punizione della Russia significherebbe il ripristino del potere del diritto internazionale. L’Occidente ne è capace”, ha affermato il capo di stato dell’Ucraina.

Il leader di Kiev Crede inoltre che quando l’UE approverà l’adesione dell’Ucraina, il blocco dell’UE potrebbe conquistare una nazione che combatte per i suoi ideali: libertà, democrazia e uguaglianza.

Sergei Lavrov dice che la guerra non è finita

Il ministro degli Esteri russo accusa l’Ucraina di voler negare ai cittadini russi il diritto a una vita normale rifiutando di consentire l’istruzione in lingua russa o la libertà religiosa. Lavrov afferma anche che diversi paesi, inclusa la Romania, hanno accusato tali violazioni e la Russia non permetterà che venga distrutta.

“Capisco che non si tratta dell’Ucraina, ma dell’aggressione contro tutto ciò che significa popolo russo, lingua, religione. E l’aggressione dell’Occidente contro di noi ci mostra che è una lotta per la vita o la morte per la Russia, una lotta per esistere sul mappa del mondo “, ha detto Lavrov.

Previous articleVladimir Putin non rifiuta un incontro con Zelensky. Cosa dice Sergei Lavrov dopo l’incontro con il suo omologo ucraino
Next articleL’Ucraina sta indagando su casi di presunto tradimento. Funzionari locali e forze dell’ordine sono accusati di aiutare la Russia nella guerra