Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è esploso dopo le accuse dell’Ucraina secondo cui l’esercito russo ha bombardato un ospedale pediatrico, un ex ospedale per la maternità a Mariupol: “L’Ucraina ha attaccato la maternità. È così che tutti vengono ingannati”. Le dichiarazioni scioccanti arrivano poco dopo un nuovo tentativo di i negoziati tra Russia e Ucraina sono falliti. Maggiori dettagli di seguito.

Il ministro degli Esteri russo sconvolge la dichiarazione: “L’Ucraina ha attaccato la maternità”

Un nuovo giro di I negoziati russo-ucraini sono falliti. I due paesi in guerra hanno raggiunto un accordo solo sull’evacuazione dei civili, non su un trattato di pace. Poco dopo i colloqui con il ministro degli Esteri ucraino Dymtro Kuleba, Lavrov ha rilasciato nuove dichiarazioni scioccanti.

Il funzionario russo ha accusato la stampa di aver manipolato le informazioni sulla situazione in Ucraina. Ha anche affermato che il paese vicino è responsabile dell’attacco al reparto maternità di Mariupol, di cui puoi saperne di più. QUI.

“Gli ucraini stanno creando armi biologiche che possono usare contro la Russia. Devono essere adeguatamente informati su questo. Coloro che inviano truppe e armi in Ucraina devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni. Per quanto riguarda il congedo di maternità di ieri, è la prima volta che hanno sentito grida per le atrocità in Ucraina, che sarebbero state commesse dalla Russia.

Alla riunione delle Nazioni Unite, ho presentato i dati su questa maternità. Fu evacuata, tutte le donne incinte, le infermiere e le donne incinte furono portate fuori di lì, la colpa era dei battaglioni radicali ucraini. Trai conclusioni su come viene manipolata l’opinione pubblica nel mondo. Ho visto rapporti emotivi “, ha detto il ministro degli Esteri russo.

Nel frattempo, le autorità ucraine hanno affermato che tre persone, tra cui un bambino, sono state uccise in un attacco russo a un ospedale pediatrico a Mariupol. Anche il presidente del Paese, Volodymyr Zelensky, ha affermato che diverse persone sono rimaste intrappolate sotto le macerie e ha definito l’attacco un crimine di guerra.

Leggi anche: Cosa è successo al ministro degli Esteri russo, anche durante un discorso. Il momento è stato filmato

“Abbiamo anche discusso del cessate il fuoco, ma non sono stati raggiunti risultati”.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba si sono incontrati giovedì in Turchia per la prima volta dall’invasione dell’Ucraina.

Parlando con i giornalisti dopo i negoziati, Kuleba ha detto ai giornalisti che non c’era stato “alcun progresso” su un cessate il fuoco.

“Abbiamo anche parlato del cessate il fuoco, ma non sono stati compiuti progressi”, ha affermato Dmytro Kuleba, definendo la discussione “difficile”. cbsnews.com.

Previous articleQuando esce Shazam! Fury of the Gods? Data di uscita, Cast, Trailer
Next articleVladimir Putin non rifiuta un incontro con Zelensky. Cosa dice Sergei Lavrov dopo l’incontro con il suo omologo ucraino