In merito alla minaccia proveniente dalla Russia, il vicepremier della Repubblica di Moldova ha scelto con cura le sue parole. “Non vediamo alcun motivo per cui la Moldova diventi un bersaglio diretto. Siamo un Paese neutrale. Ma aggiungiamo che quanto accaduto in Ucraina è del tutto ingiustificato. Dobbiamo prepararci per l’intero spettro di minacce”, ha detto a Sky News Nicu Popescu .

Moldavia, possibili gravi minacce dalla Russia

La Moldova non è membro della NATO. Ha un piccolo esercito senza armi sofisticate. La geopolitica della regione è ulteriormente complicata dalla repubblica separatista e dalla Transnistria non riconosciuta a livello internazionale, che si estende lungo il confine orientale tra Moldova e Ucraina.

Il governo della Transnistria è sostenuto dal Cremlino e il ministro ha confermato a Sky News che ci sono 1.300 soldati russi lì.

“Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza. Ma la regione della Transnistria sarebbe pronta per l’azione militare, ma non ne abbiamo visto alcun segno. Ma non possiamo prevedere cosa accadrà domani o tra due settimane o due mesi da oggi”, Egli ha detto news.sky.com.

Chiesto se Il tentativo della Moldova di entrare nell’UE è compatibile con la sua volontà di rimanere neutrale, il ministro ha detto: “Crediamo di poterci unire, rimanendo neutrali”.

Ma non sarà attratto da come il Cremlino reagirà all’adesione della Moldova all’UE.

“Allora ci è semplicemente venuto in mente. E le loro riproduzioni si faranno sentire per molto tempo, non anni, decenni. E queste ripercussioni saranno estremamente negative per ogni stato europeo. Quindi quello che è già successo è piuttosto tragico, ma prima si finisce, più breve sarà questo periodo di ripresa “, ha affermato il ministro delle implicazioni di una vittoria russa in Ucraina.

Lavrov non crede che questo conflitto si trasformerà in un conflitto nucleare

Questa mattina un conferenza stampa tenuta da Sergei LavrovIl ministro degli Esteri russo, dove ha avuto colloqui con il suo omologo ucraino in Turchia, evidenziando alcune linee interessanti sulla sua visione delle prospettive di una guerra nucleare.

Alla domanda da un corrispondente del Cremlino per il quotidiano russo Kommersant se credeva che una guerra nucleare potesse essere innescata dal conflitto, Lavrov ha detto ai giornalisti in Turchia: “Non voglio crederci e non ci credo”.

Lavrov, ministro degli Esteri di Vladimir Putin dal 2004 afferma che la questione nucleare è stata messa in discussione solo dall’Occidente, che secondo lui ha continuato a tornare alla guerra nucleare, come Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi.

“Naturalmente, ci dà motivo di preoccupazione quando l’Occidente, come Freud, continua a tornare e tornare su questo argomento”, ha detto Lavrov.

Si temeva che se la Russia avesse successo in Ucraina, altri paesi vicini potessero essere i prossimi. Lavrov ha detto che i discorsi su un potenziale attacco russo agli ex stati baltici sovietici, Lituania, Lettonia ed Estonia, ora tutti membri dell’Unione Europea e della NATO, “sembrano vecchi scherzi”.

Previous articleL’Ucraina sta indagando su casi di presunto tradimento. Funzionari locali e forze dell’ordine sono accusati di aiutare la Russia nella guerra
Next articleIl paese limita il diritto alla libertà di parola durante la guerra in Ucraina