Solo due settimane fa, gli abitanti della capitale ucraina si prendevano cura dei loro negozi, insegnavano agli scolari o parcheggiavano nei loro uffici. L’invasione russa ha cambiato tutto. Combattendo letteralmente per la propria vita, i civili, trasformati in soldati volontari, hanno contribuito a costruire difese con precisione militare e ora le gestiscono.

La gente ha preso le armi e attende l’assalto all’esercito russo a Kiev

I fossati scorrono in profondità nelle foreste che circondano l’autostrada per Kiev da sud. Le postazioni di riserva fortificate sono pronte a tutto. Enormi barriere anticarro di metallo, qui conosciute come “ricci” per la loro forma urticante, sono poste a intervalli regolari lungo la strada. E blocchi improvvisati di sacchi di sabbia e enormi blocchi di cemento stanno a ogni uscita. Il popolo di Kiev è determinato a difendere la propria città.

Con l’avvicinarsi delle forze russe, la decisione dei suoi abitanti è palpabile, con molti che appaiono di buon umore. Alcuni mostrano un segno di vittoria mentre i veicoli passano. La bandiera nazionale blu e gialla può essere vista ovunque. Martedì, a un posto di blocco sulla strada per Kiev, i difensori volontari hanno distribuito fiori alle donne nelle loro auto per celebrare la Giornata internazionale della donna.

Molti volontari non sembrano essere vestiti abbastanza caldi per il clima gelido. Indossano abiti civili, con grandi cappotti e pantaloni della tuta un’uniforme non ufficiale. I loro pantaloni sono per lo più verdi, neri o mimetici, non di tipo militare, ma di modello civile creato per la caccia. Alcuni, ma non tutti, i volontari sono armati di fucili automatici e grossi coltelli.

Oleksiy Goncharenko, un volontario in una delle posizioni di difesa di Kiev, ha detto alla Galileus Web di aver lavorato a turni di quattro ore al checkpoint. La sua faccia è rossa per il freddo. “Va bene. Fa solo freddo”, ha detto, aggiungendo che “la gente del posto ci offre zuppe e cose del genere. CNN.

Quasi 40.000 volontari si sono uniti alle forze di difesa territoriale nei primi due giorni dopo l’inizio dell’invasione, secondo il capo di stato maggiore delle forze armate ucraine. Nella sola Kiev, 18.000 persone hanno preso le armi quando le autorità hanno chiesto a volontari e riservisti di farlo.

Coloro che non hanno potuto unirsi alle forze (così tante persone si sono iscritte che le Forze di Difesa Territoriali hanno dovuto iniziare a rimuovere le persone) aiutano in altri modi. Fanno bombe molotov, cestano reti mimetiche per barricate, distribuiscono cibo, bevande calde e sigarette alle guardie di sicurezza. Raccolgono fondi per l’esercito, costruiscono diversi posti di blocco e persino dipingono i segnali stradali nel tentativo di confondere le forze d’invasione.

Più vicino al centro città, le difese sono più forti. Ma ecco i professionisti che si occupano dei checkpoint. Carri armati e lanciatori di armi sono posizionati lungo le principali arterie della città.

La famosa piazza Maidan a Kiev, situata nel cuore della capitale, è oggi una fortezza. Una grande bandiera ucraina sventola in alto sopra le proteste del 2014. I parchi della capitale ora fungono da terreno per veicoli militari, aree commerciali legate a boutique, caffè alla moda e ristoranti di lusso sono ora delimitate da barriere di sacchi di sabbia e condomini. calcestruzzo.

E ora sono necessari segnali elettronici che normalmente mostrano informazioni sul traffico e sulla pubblicità “NATO per chiudere i cieli” e proclama “Gloria all’Ucraina”.

L’orchestra canta l’inno nazionale nel centro di Kiev mentre i russi avanzano

In una piazza di Kiev, dove le recenti rivolte popolari hanno scosso le ambizioni di Mosca in Ucraina, mercoledì un’orchestra si è riunita davanti a una piccola folla per cantare l’inno nazionale mentre le forze russe hanno preso d’assalto la città.

L’Orchestra Sinfonica Classica di Kiev ha anche eseguito un estratto dall'”Inno alla gioia” di Beethoven, su cui si basa l’inno dell’Unione Europea, un cenno al desiderio del governo ucraino di avvicinarsi all’Europa e allontanarsi dall’orbita della Russia.

Decine di persone si sono radunate per guardare Maidan nella piazza centrale, alcune sventolando bandiere ucraine. Hanno applaudito quando l’inno nazionale è finito e una donna ha gridato “In Ucraina!” Il testo dell’inno include il testo: “L’Ucraina non è ancora morta. I nostri nemici scompariranno come rugiada al sole”.

Il direttore d’orchestra Herman Makarenko ha detto ai giornalisti che il concerto era un appello alla pace.

“Vorremmo sostenere il nostro Presidente, Volodymyr Zelenskyche ha chiamato, chiede e chiederà a tutti i governi del mondo di fermare la guerra in Ucraina”, secondo Reuters.

Ha detto che è riuscito a riunire circa 20 musicisti per lo spettacolo, invece dei 65-70 che normalmente compongono l’ensemble.

Previous articleGli Stati Uniti affermano che la Russia potrebbe lanciare un attacco chimico contro l’Ucraina. Cosa significa questo?
Next articleLa Russia nega il bombardamento dell’ospedale per la maternità e l’infanzia di Mariupol. Le immagini del disastro mostrano i vigili del fuoco che evacuano le donne incinte ferite