Perché tutti devono prendere sul serio il Bitcoin

Dov’era quando ha sentito parlare per la prima volta di Bitcoin? Se chiede alla persona media cosa pensa di Bitcoin, potrebbe dire qualcosa come ‘Cosa, quell’enorme campagna pubblicitaria di qualche anno fa? Una tipica bolla. Non ero interessato allora e non sono interessato adesso! ‘

Ma non lo ignori basandosi su una conoscenza limitata o su quello che ha detto il suo amico in un bar un paio di anni fa. Si prenda il tempo necessario per indagare e giungere ad un’opinione ponderata. È un’idea troppo grande per essere ignorata e molti sostengono che il momento è perfetto. I suoi sostenitori affermano che Bitcoin è un’affascinante combinazione tra un’azienda tecnologica in fase iniziale e una riserva di valore (come l’oro). Mi lasci spiegare.

Come il bitcoin è diventato una valuta “rifugio sicuro” in mezzo alla guerra

Allora, cos’è esattamente il bitcoin? Alcuni pensano che sia una tendenza speculativa che sarà presto dimenticata, mentre altri sostengono che sia una moneta digitale anonima usata dai criminali per riciclare denaro. Io lo considero in una luce diversa: allo stesso modo in cui Internet è una versione decentralizzata dell’informazione, Bitcoin è una versione decentralizzata del denaro.

Profit Bitcoin è affidabile? 🥇 La guida più completa 2022

Guadagnare con bitcoin evolution, ecco perché è così facile nel 2022

Vivere solo di Bitcoin, è possibile? Ecco la storia di chi ci è riuscito

Bitcoin contro la moneta emessa dal governo

La maggior parte di noi non ha mai smesso di chiedersi cosa sia effettivamente il denaro. Scambiamo il nostro lavoro per denaro, lo spendiamo per oggetti di cui abbiamo bisogno e che desideriamo e ci sforziamo di risparmiarlo per acquisti futuri. La banconota da un dollaro nella sua tasca non ha un valore intrinseco; ha valore solo perché tutti gli altri credono che sia così. Il denaro è, in questo senso, una nozione collettiva.

Come fare soldi con Bitcoin: 5 passi verso la libertà economica

Come si confronta Bitcoin con il denaro emesso dal governo se lo consideriamo un tipo diverso di moneta?

Il denaro governativo è probabilmente superiore per i risparmi a breve termine. Il denaro governativo serve sia come mezzo di commercio che come unità di conto. Poiché la maggior parte dei governi richiede che i pagamenti delle tasse siano effettuati nella propria valuta e ha implementato regole di corso legale che proibiscono l’uso di altre valute per pagare beni e servizi, questo è il caso.

I risparmi a lungo termine, invece, sono meno garantiti. Per periodi di tempo prolungati, le valute sovrane hanno dimostrato di essere scarse riserve di valore, e non sto parlando di valute fallite come il dollaro dello Zimbabwe o il bolivar venezuelano. Consideri quanto meno 10 dollari americani o 10 sterline britanniche le comprano ora rispetto a 20 anni fa, e si ricordi che quei 20 anni sono stati segnati da una bassa inflazione.

Aggiunga le risposte dei governi all’epidemia di coronavirus. La quantità di Quantitative Easing (o QE, a volte conosciuto come “stampa di denaro”) effettuata nelle democrazie occidentali è stata massiccia, nanizzando la quantità di QE effettuata durante la crisi finanziaria. Quest’anno c’è il 22% di denaro in più nel mondo rispetto all’anno precedente. Ora, lei può pensare che stampare denaro sia stata una cosa buona o terribile, ma il punto chiave è che è successo. Intuitivamente, se si crea di più, il valore di quell’oggetto dovrebbe diminuire a causa dell’inflazione, sia che si tratti di inflazione nel costo di beni e servizi o di inflazione nel costo dei beni.

Si potrebbe obiettare che tutta questa produzione di denaro alla fine porterebbe all’inflazione. La famosa nozione di Stephanie Kelton, conosciuta come Modern Monetary Theory (MMT), sostiene che la quantità di denaro emessa dai governi non ha importanza in determinate circostanze. Secondo questa nozione, un governo può stampare tutto il denaro che vuole per finanziare le sue spese e allo stesso tempo controllare l’inflazione aumentando e tagliando le tasse.

Bitcoin, con la sua rete dominante, l’offerta limitata, la divisibilità praticamente illimitata (l’unità più piccola concepibile si chiama satoshi – 1/100 di milionesimo di un bitcoin) e la portabilità, potrebbe essere una valida alternativa se l’inflazione decolla e la nostra fiducia collettiva nel valore del denaro ufficiale si erode. In questo caso, quanto varrebbe un bitcoin? Quanto varrebbe un bitcoin in questo scenario? Beh, certamente molto di più di quanto non valga ora.

 

x