Gli Stati Uniti hanno dichiarato martedì che una nuova colonna russa stava avanzando verso Kiev dal nord-est della capitale ucraina, mentre la colonna principale delle forze di Mosca provenienti dal nord era rimasta stagnante per diversi giorni, ha riferito l’Afp.

I russi avanzano su Kiev

“Volevo attirare la vostra attenzione sul fatto che i russi stanno iniziando a provare ad avanzare verso Kiev da nord-est. Stimiamo che siano a circa 60 km dalla città”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, senza dirlo quanti veicoli sono coinvolti.

Secondo il funzionario del Pentagono, i russi sono frustrati venendo dal nord, da dove la loro avanzata verso Kiev non ha fatto molti progressi da diversi giorni a causa della resistenza ucraina e dei problemi logistici e di approvvigionamento. Ha fatto riferimento alla principale colonna russa di centinaia di veicoli che non potevano avvicinarsi all’aeroporto di Gostomel, a circa 20 chilometri da Kiev, nonché a un’altra linea che è bloccata a Chernivtsia soli 150 km dalla capitale.

Sembra che questa terza colonna nel nord-est della città faccia parte Lo sforzo di Mosca per “accerchiare Kiev e di costringerlo ad arrendersi”, ha osservato il funzionario americano.

“Poiché non hanno fatto il progresso geografico che crediamo avrebbero dovuto fare, hanno intensificato i bombardamenti della città con una miscela di missili, fuoco di artiglieria e attacchi aerei. Stanno aumentando la pressione su Kiev, crediamo ancora che questo è uno dei loro obiettivi principali”, ha aggiunto, sempre più civili colpiti.

Il funzionario americano ha anche fornito informazioni in merito lotte di strada all’interno di Kievche resta isolato.

“Riteniamo che questi siano in gran parte elementi di riconoscimento, il cui scopo sarebbe quello di provocare paura e confusione e di cercare di preparare il terreno per ciò che verrà”, ha affermato.

Un russo-americano accusato di agire come un agente russo illegale negli Stati Uniti

Un doppio cittadino russo-americano è stato accusato di agire come una spia negli Stati Uniti, secondo i documenti del tribunale che guidava organizzazioni che “cercavano di diffondere la propaganda russa”.

Elena Branson è stata accusata martedì di aver agito e cospirato per agire illegalmente negli Stati Uniti come agente del governo russo, di essersi registrata involontariamente ai sensi della legge sulla registrazione degli agenti stranieri, di aver cospirato per commettere frode sui visti e di aver rilasciato false dichiarazioni all’FBI. La denuncia penale sostiene che Branson sia fuggito in Russia nel 2020.

Almeno dal 2011, Branson ha lavorato per conto del governo russo e dei funzionari russi per promuovere gli interessi della Russia negli Stati Uniti, afferma la denuncia. I pubblici ministeri affermano che ha coordinato gli incontri con i funzionari russi per fare pressioni sui politici e uomini d’affari statunitensi e ha guidato le organizzazioni a promuovere pubblicamente le politiche del governo russo.

La CNN ha cercato di contattare Branson per commenti sulle accuse. Le accuse arrivano mentre le tensioni tra Stati Uniti e Russia continuano a crescere in seguito all’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia il mese scorso, con gli Stati Uniti in prima linea in uno sforzo multinazionale per punire la Russia per le sue azioni.

Previous articleIl gesto storico del Giappone per l’Ucraina. Questa è la prima volta che il Paese fa una cosa del genere
Next articleQuando esce Demon Slayer 3 in Italia su Netflix? Dove vederlo, Trailer