La guerra in Ucraina è iniziata due settimane fa e non sembra che finirà presto. Vladimir Putin sta dimostrando che è deciso ad andare fino in fondo, e nonostante le sanzioni applicate dall’Occidente, nulla è cambiato negli ultimi giorni.

In un’intervista a RFI, ha parlato del conflitto in Ucraina, ma anche di come Vladimir Putin potrebbe essere fermato. Egli sostiene che ciò che sta accadendo ora è “al di là della cultura”, aggiungendo che il disordine globale seguirà.

Andrei Pleșu si è detto depresso dalle immagini in Ucraina, notando che anche il presidente dell’Ucraina si è demoralizzato dopo due settimane di continui combattimenti.

“Quello che sta succedendo in Ucraina in questo momento è al di là della cultura, nel senso che non c’è bisogno di belle argomentazioni intellettuali per reagire prontamente, con una sorta di disperazione, con una sorta di disgusto, con una sorta di sfiducia in quello che significa l’umanità, la politica, la diplomazia. Per me, quello che sta succedendo ora è un sintomo di un grave disordine mondiale, che dimostra che possiamo essere presi per mano da qualsiasi delusione politica in qualsiasi momento. È deprimente.

Mi deprime, così come le immagini che vedo di donne, bambini, persone di ogni tipo che soffrono. Sono minacciati di morte e non hanno modo di trovare soluzioni. Anche il presidente dell’Ucraina, il signor Zelenski, sembra essere demoralizzato dopo tutto questo tempo e non si illude più di essere realmente aiutato”, ha detto.

Si può fermare Vladimir Putin?

Alla domanda su chi potrebbe fermare Vladimir Putin, Andrei Pleșu dice che secondo lui il leader russo non può essere fermato, notando che il problema è più complicato di quanto sembri in superficie.

In particolare, sostiene che Vladimir Putin non è il grande problema, ma piuttosto la “tradizione imperialista russa che si vede sempre come appartenente a una specie di forza, di merito, di orgoglio, di diritto, come nessun’altra nazione”.

“Non credo che possa essere convinto. Il problema è più complicato. Recentemente ho letto un articolo sulla Neue Züricher Zeitung, che voglio tradurre in Romania, di uno scrittore russo di successo che vive in Germania. Il suo nome è Sergei Lebedev.

Egli dimostra che ciò che l’Occidente non capisce o non sembra percepire è che il problema non è solo Putin. Quasi come se non fosse lui il problema. È una tradizione imperialista russa che si considera sempre appartenente a una specie di forza, merito, arroganza, diritto, come nessun’altra nazione. È un senso di imperialismo russo che rende un personaggio come Putin assorbito e assunto alla fine”, ha detto.

Per quanto riguarda le misure prese dall’Occidente, Andrei Pleșu dice che sono “assolutamente ridicole”, dato che Vladimir Putin e l’intero paese che guida possono facilmente accoglierle.

I mezzi dell’Occidente, assolutamente “ridicoli”
“Se qualcosa non accade in Russia, non può essere fermata dall’esterno. I mezzi che l’Occidente, gli Stati Uniti stanno usando per cercare di fermarlo sono assolutamente ridicoli. Per lui queste sono inezie che accomodano. Molto più importante è vincere e dominare sempre”, ha aggiunto.

Ad Adrian Pleșu è stato anche chiesto cosa pensa delle persone di cultura che prendono posizione e sono contro la guerra, mentre altri sono a favore e sostengono Vladimir Putin.

A questo proposito, egli sostiene che ciò che sta accadendo ora è un’altra pandemia, ma di “stupidità”. Andrei Pleșu sostiene che c’è una mentalità ideologica, e alcune persone finiscono per usare grandi parole e principi grandiosi senza mantenere il contatto con la realtà.

“Non me lo spiego. Stiamo vivendo una pandemia che potrebbe essere diagnosticata come un crollo planetario del QI, in breve, una pandemia di stupidità. E la sinistra che vediamo fiorire in tutto il mondo occidentale e in America dimostra che né l’esperienza storica, né la cultura storica, né il buon senso, né l’intelligenza minima funzionano. Pensiamo ideologicamente. Pensiamo di traverso, con grandi parole e grandi principi, e la realtà ci scivola tra le dita. È una forma di opacità, di rottura spirituale che rende possibili tali fenomeni”, ha aggiunto.

Previous articleBitcoin è a terra! Le criptovalute crollano nel 2022
Next articleFrasi e immagini Buongiorno e Buon Giovedì: le più belle del 10 marzo 2022