Le persone che investono in cryptovalute iniziano male nel 2022. Per esempio, il 24 febbraio, quanto la Russia ha invaso illegalmente l’Ucraina, il bitcoin è crollato sotto i 35.000 dollari, che rappresenta un calo del 12% in sole 24 ore.

Bitcoin, massicci alti e bassi nel febbraio 2022

Nel 2022, il bitcoin e le altre criptovalute sono saliti bruscamente, ma sono anche scesi drammaticamente in un tempo estremamente breve. Anche se ha visto cali significativi a gennaio, a metà febbraio Bitcoin era salito bruscamente a 44.000-45.000 dollari, ma il 21 febbraio Bitcoin è crollato a 37.200 dollari, perdendo 7.000 dollari in soli cinque giorni.

Per inciso, il 24 febbraio, quando la Russia ha invaso illegalmente l’Ucraina, la criptovaluta è crollata a un minimo di 34.338 dollari, un calo di circa 10.000 dollari in sole due settimane,

Tuttavia, il 1 marzo, il bitcoin ha toccato i 44.165 dollari, secondo Coindesk. In soli cinque giorni, il prezzo di Bitcoin ha recuperato 9.827 dollari, che rappresenta un aumento del 28,6% rispetto al livello del 24 febbraio.

In breve, chi ha comprato 1 bitcoin giovedì scorso e l’ha venduto martedì ha guadagnato quasi 10.000 dollari, escluse le commissioni e le tasse. Ma in un solo giorno (martedì 1 marzo) Bitcoin ha fluttuato del 16%, tra un minimo di 37.963 dollari e un massimo di 44.165 dollari.

Cosa succederà alle criptovalute nel 2022? La guerra in Ucraina colpisce il mercato delle criptovalute

Secondo gli specialisti del settore economico, nel gennaio 2022, il mercato delle criptovalute ha affrontato un forte abbassamento quando ci sono stati violenti disordini in Kazakistan. Gli analisti economici hanno poi collegato il crollo delle criptovalute alle tensioni interne in Kazakistan.

“L’hashrate di Bitcoin è sceso dopo che le interruzioni di corrente hanno colpito l’industria mineraria delle criptovalute del Kazakistan. La crisi politica in corso, che ha portato a disordini e tensioni nella capitale, ha quindi avuto un impatto involontario sul bitcoin. Con l’interruzione dell’elettricità nel paese, le principali operazioni di mining di criptovalute sono state costrette a chiudere, portando a un calo dell’hashrate di criptovalute, della potenza di calcolo complessiva della rete e a un calo del valore dei token BTC.

Il Kazakistan è diventato silenziosamente un leader nel mining di Bitcoin a livello globale, con la sua produzione seconda solo a quella degli Stati Uniti, dopo il recente giro di vite della Cina sulle operazioni di mining. Finché la situazione rimane poco chiara nel paese, le tensioni in corso continueranno a influenzare potenzialmente l’hashrate e il prezzo globale”, ha detto Simon Peters – analista della piattaforma di trading eToro – al momento.

Purtroppo per gli investitori, dopo che il bitcoin è salito leggermente, è iniziata l’aggressione militare tra Russia e Ucraina, abbassando bruscamente il valore della criptovaluta leader.

“La scorsa settimana, le tensioni geopolitiche hanno portato al crollo delle criptovalute, impedendo una ripresa dei prezzi di bitcoin ed ether, tra gli altri. Il prezzo del bitcoin ha iniziato la settimana avanzando verso il livello di 44.000 dollari, ma è crollato giovedì a causa delle nuove tensioni tra Ucraina e Russia.

Un secondo colpo ai prezzi delle criptovalute è arrivato durante il fine settimana con la notizia di un grande hacking di NFT. Il panico dei commercianti di NFT sui social media ha fatto scendere ulteriormente il prezzo del bitcoin, finendo per essere scambiato intorno ai 38.000 dollari” – ha spiegato Simon Peters.

Previous articleChi è Nadia di Uomini e Donne? Instagram, età, lavoro, contatti
Next articleChi può davvero fermare Vladimir Putin? La verità sulla situazione in Ucraina