Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha ordinato la convocazione di tutti i soldati ucraini che partecipano alle operazioni al di fuori dell’Ucraina, al fine di rafforzare l’esercito nazionale.

Volodymyr Zelensky richiama tutti i soldati coinvolti in operazioni fuori dal Paese

“Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha deciso di chiamare i soldati che partecipano alle missioni di mantenimento della pace, soldati professionisti, coinvolti in missioni in tutto il mondo, insieme al loro equipaggiamento, per rafforzare ora il nostro esercito, in risposta all’aggressione della Russia”, Egli ha detto. Facebook Andrei Sibiha, vice capo dell’ufficio del presidente ucraino, secondo Ukrinform.

Vi ricordiamo che è stata fondata in Ucraina legge marziale dopo l’attacco della Russia e fu decisa una mobilitazione generale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicato un nuovo video dal suo ufficio nella capitale, Kiev, nella tarda notte di lunedì, che ha visitato per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

“Sono seduto qui a Kiev su Bankova, senza nascondermi. E non ho paura di nessuno per tutto il tempo necessario per vincere questa guerra, la nostra guerra nazionale”, ha detto Zelenski in un video registrato nel suo ufficio e pubblicato sul suo Facebook pagina, secondo indipendente.co.uk.

Il presidente ucraino ha detto che non si stava nascondendo e avrebbe ricostruito il Paese tutto viene distrutto dalle truppe russe nel tentativo di catturare l’ex territorio sovietico.

“Allora è semplicemente venuto a conoscenza. Faremo delle nostre città distrutte dall’invasore meglio di qualsiasi città in Russia”, ha detto il leader ucraino.

Zelenski: “Insisteremo sulle trattative”

Zelenski ha iniziato il video mostrando la visione notturna fuori dal suo ufficio a Kiev ed è andato a casa sua, dove ha parlato del resto del video.

“E’ lunedì sera. Sapete, dicevamo, lunedì è una giornata dura. C’è guerra nel Paese, quindi ogni giorno è lunedì”, ha detto il leader ucraino di Kiev, rimanendo entrambi sull’obiettivo della Russia per la caduta dell’Ucraina .

Confermando che non sarebbe andato da nessuna parte, anche se l’Ucraina fosse rimasta sotto l’invasione russa per 13 giorni, Zelenski ha detto che avrebbe continuato a spingere per i negoziati per porre fine all’assedio.

“Siamo realisti, quindi parleremo. Insisteremo sui negoziati finché non troveremo un modo per dire al nostro popolo: è così che raggiungeremo la pace. Esattamente per la pace”, ha detto.

Dire che l’attuale guerra contro l’Ucraina e la sua resistenza costruirà solo a “Posizione forte” Per loro in futuro, Zelenski ha detto: “Dobbiamo renderci conto che ogni giorno di lotta, ogni giorno di resistenza, crea per noi condizioni migliori. Una posizione forte per garantire il nostro futuro dopo questa guerra in pace”.

Il presidente ha detto di aver firmato lunedì un decreto per onorare 96 persone “Eroi ucraini” con premi statali. Zelenski lunedì ha criticato gli attacchi delle truppe russe in alcuni luoghi, citando un attacco a una fabbrica di pane a Makariv.

Il leader ucraino ha accusato la Russia di sparare, attaccare e distruggere aree civili, contrariamente a Le affermazioni di Vladimir Putin sull’operazione militare.

“Lavorato?” Zelenski ha detto che si riferiva al corridoio umanitario su cui la Russia aveva concordato con l’Ucraina il passaggio sicuro dei civili. “I carri armati russi invece hanno funzionato”ha detto in connessione con l’intenso bombardamento che ha fermato per quasi due settimane l’evacuazione della gente del posto intrappolata nel paese colpito dal conflitto.

Il movimento di resistenza nazionale in Ucraina, ha detto Zelenski, ha avuto luogo nella parte meridionale del Paese, provocando un “incubo” per la Russia. “Non abbiamo paura di carri armati e mitragliatrici”ha aggiunto il leader, in conclusione.

x