Il numero di coloro che chiedono alla Corte penale internazionale di indagare il presidente russo Vladimir Putin sta crescendo mentre la guerra in Ucraina continua. Anche se il tribunale ha annunciato l’apertura di un’indagine, un’analisi della CNN sottolinea che è difficile vedere Vladimir Putin sotto processo perché il tribunale non giudica in contumacia, e le possibilità che si arrenda o venga arrestato sono difficili da considerare.

Karim Khan, il procuratore capo della Corte penale internazionale, ha annunciato che aprirà un’indagine sull’invasione russa dell’Ucraina perché “abbiamo tutte le indicazioni per credere che siano stati commessi possibili crimini di guerra e contro l’umanità”.

Tuttavia, mentre la giustizia in generale si muove lentamente, i procedimenti internazionali si muovono molto più lentamente. Le indagini della CPI richiedono molti anni e pochissimi verdetti finali sono stati emessi.

Con sede all’Aia in Olanda e creata da un trattato chiamato Statuto di Roma, la Corte penale internazionale opera in modo indipendente. Anche se la maggior parte dei paesi del mondo, 123 per essere precisi, sono parte del trattato, ci sono eccezioni molto grandi e notevoli: tra cui la Russia e gli Stati Uniti, così come l’Ucraina.

I rifugiati ucraini hanno accesso all’assistenza sanitaria, al lavoro e all’istruzione

Segue una grande ondata di rifugiati ucraini. Le autorità rumene hanno annunciato che possono ricevere servizi medici in qualsiasi clinica o ospedale del paese su richiesta, e le aziende che desiderano assumere ucraini non hanno bisogno di un permesso di lavoro per queste persone per un massimo di nove mesi in un anno solare. Allo stesso tempo, coloro che offrono alloggio ai rifugiati potranno richiedere le spese.

Il gran numero di bambini provenienti da famiglie di rifugiati ucraini – circa 18.000 – che hanno scelto di rimanere in Romania finora significa che le autorità rumene dovranno trovare soluzioni per la loro scolarizzazione. Il ministro della difesa rumeno ha detto che stanno lavorando con i rappresentanti del ministero dell’educazione su questo.

2.849 cittadini ucraini hanno finora chiesto asilo in Romania.

Isaccea: il confine dell’inferno

Ogni giorno, almeno due traghetti carichi di auto, camion, ma soprattutto di donne e bambini, attraccano a Isaccea, sulla costa rumena, dove c’è pace. Portano con sé tanti drammi e lacrime negli occhi di coloro che hanno lasciato indietro padri, fratelli, anziani e figli, sperando che un giorno possano tornare a casa.

Dipendenti dell’ISU, doganieri e volontari aiutano le madri a portare i loro bagagli e da tutte le parti vengono dati loro beni di prima necessità. “Chiedi se hanno problemi medici”, grida il doganiere ai volontari ucraini che siedono giorno dopo giorno nel punto più caldo di Isaccea per tradurre dall’ucraino, la maggior parte dei quali non conosce né l’inglese né il rumeno. Inizia il triage: prima le donne con bambini passano la dogana, dove si fanno timbrare urgentemente i passaporti. Quando lasciano la dogana, i bagagli dei rifugiati sono pieni di altri pacchetti di pannolini e acqua, e i piccoli mangiano panini o banane, che qui sono disponibili in quantità industriali. Raramente una donna chiede qualcosa.

Il presidente Andrzej Duda metterà le sue residenze ufficiali a disposizione dei rifugiati che arrivano in Polonia

Il presidente polacco Andrzej Duda vuole ospitare i rifugiati ucraini nelle stanze delle sue residenze ufficiali. La moglie del leader polacco, Agata Kornhauser-Duda, ha insistito che le due ville ufficiali del presidente siano messe a disposizione dei rifugiati per diversi giorni, ha detto il capo dello staff di Duda all’agenzia di stampa PAP.

Oltre al palazzo presidenziale e al palazzo del Belvedere a Varsavia, il capo di stato polacco ha altre quattro residenze a sua disposizione, tra cui una a Hel, a nord di Danzica, e una a Wisla.

L’UE prepara 10 misure per ridurre la dipendenza dell’UE dal gas russo (CourseGovernment)

La Commissione europea sta mettendo insieme un piano di 10 misure volte a ridurre rapidamente la dipendenza dal gas russo. Gli stati membri saranno tenuti a riempire l’80% dello stoccaggio e a identificare terreni adatti per progetti di energia rinnovabile, secondo una bozza vista da Politico.

La guerra in Ucraina ha dato urgenza agli sforzi dell’UE per ridurre ed eliminare le importazioni di energia dalla Russia.

Così Bruxelles ha trasformato le misure relative all’aumento dei prezzi dell’energia in un piano per migliorare la sicurezza energetica dell’UE, scrive CourseOnGovernment.

 

Progetto mondo post-bellico. Questioni e domande fondamentali (SpotMedia)

Se l’Occidente si rifiuta di combattere la Russia di Putin, che è un grave errore che passerà alla storia, la divisione dell’Ucraina diventa inevitabile. Forse anche della Moldavia, scrive Valentin Naumescu, professore di relazioni internazionali alla facoltà di studi europei dell’Università Babeș-Bolyai di Cluj-Napoca. Non immaginiamo che Donbas, Crimea o Transnistria possano mai diventare territori dell’Unione Europea. Cederli significa dividersi. La fine dell’ordine di sicurezza post guerra fredda. Sì, la maggior parte degli americani e degli europei non vuole più combattere, lo sappiamo. Se l’Occidente non vuole una guerra che stabilisca il vincitore e il perdente e difenda l’ordine politico esistente, allora ci sarà sicuramente un compromesso con la Russia e più perdenti. Queste sono le alternative. Ma quali saranno le regole del sistema internazionale del dopoguerra? Chi li fisserà? E le opportunità del nuovo ordine? Siamo pronti per quello che viene dopo?

 

Previous articleCosa dovremmo dire ai bambini sulla guerra? una lezione sul Bene e sul Male, su come sostenere la vittima
Next articleNetflix si ritira dalla Russia. Tiktok limita l’accesso ai suoi contenuti sul territorio del paese