Secondo la CNN, circa 700 studenti indiani bloccati a Sumi, in Ucraina, sono stati evacuati a Poltava. Ucraina e Russia hanno concordato martedì di aprire un corridoio di evacuazione da Sumi, una città vicino al confine russo, che è stata pesantemente attaccata e bombardata nei giorni scorsi.

700 studenti indiani evacuati da Sumi

Un cessate il fuoco temporaneo negoziato tra Russia e Ucraina per consentire ai civili di fuggire da quattro città, tra cui Sumi, è fallito.

“Siamo così tristi e disperati”, ha detto Santhosh, uno studente che è sceso dall’autobus per tornare al dormitorio sopra il bunker umido e buio, dove centinaia di studenti si sono affollati per giorni con poco cibo e senza elettricità. Alcuni sono così assetati che sciolgono la neve per bere.

La mancata evacuazione aumenta la pressione sul primo ministro indiano Narendra Modi affinché riporti gli studenti a casa mentre cresce la rabbia. L’invasione russa si intensifica con attacchi a obiettivi residenziali e civili.
Modi ha parlato lunedì sia con il presidente russo Vladimir Putin che con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sulla situazione degli studenti, secondo una dichiarazione del ministero degli Esteri indiano. CNN.

La Russia si dice pronta a porre fine alla sua offensiva e aprire corridoi per consentire ai cittadini di lasciare un piccolo numero di città, tra cui Sumi. Tuttavia, l’Ucraina ha negato che gli ucraini vengano evacuati in Russia o nella sua alleata Bielorussia e inviterebbe le persone a viaggiare attraverso zone di combattimento attive.

Gli studenti indiani cercano sempre più disperatamente di sfuggire agli attacchi della Russia

I leader ucraini e occidentali hanno anche accusato la Russia di sabotare ripetutamente i soccorsi, continuando a prendere di mira percorsi sicuri pre-approvati. Domenica, un russo ha colpito a valico di evacuazione fuori Kiev, uccidendo otto persone, inclusi due bambini che cercavano di scappare.

A Sumi, gli studenti indiani, come milioni di ucraini nelle città di tutto il paese, cercano sempre più disperatamente di sfuggire agli attacchi della Russia. “Sono mentalmente esausto”, ha detto Santhosh. “Viviamo solo con la speranza”.

Martedì, il ministro indiano del gabinetto Hardeep Singh Puri ha dichiarato che è in corso l’evacuazione di tutti gli studenti da Sumi a Poltava, una città a 160 miglia di distanza. “Mentre stiamo parlando, l’evacuazione è in corso”, ha detto Puri ai giornalisti martedì sera, ora locale dell’India.

Più di 2.000 studenti internazionali provenienti da 27 paesi, tra cui Cina e Turchia, rimangono bloccati a Sumi, secondo un tweet della parlamentare ucraina Lesia Vasylenko pubblicato martedì. Ha detto che il russo ha rifiutato un corridoio “verde” e ha detto agli studenti di “tenere duro, l’esercito #ucraino sarà lì presto”.

Gli studenti indiani che hanno parlato con la CNN a Sumi affermano di studiare in Ucraina perché molti di loro non si qualificavano per posti limitati nelle scuole di medicina indiane e le tasse universitarie in Ucraina sono significativamente più economiche delle università private in India.

Secondo l’UNESCO, più di 14.000 indiani sono attualmente iscritti alle università ucraine, il più grande gruppo di studenti stranieri del paese.

Previous articleI russi che non supportano la guerra vengono espulsi dal loro lavoro. Come vedi la guerra da loro
Next article“La situazione potrebbe sfuggire di mano”